CRISI – AUSTERITÀ’ – VERITA’ SUL 3% DI MASTRICHT – LA VERA SITUAZIONE DEI LAVORATORI TEDESCHI

A PRESADIRETTA un’inchiesta appassionante sulle ricette dell’austerity, che dall’inizio della crisi economica a oggi, governano le nostre vite. Sono in molti ormai a dire che la scelta dell’economia del rigore non ha funzionato.

Le telecamere hanno anche fatto un lungo viaggio attraverso l’Europa dell’austerity. Sono state in Grecia, durante le elezioni che hanno portato Tsipras al governo e hanno raccolto le voci più importanti della nuova leadership politica che prova a riscrivere i patti con la Troika. Sono state in Germania e hanno scoperto che i conti non tornano più neanche nel paese più solido d’Europa.

Guardate, strabiliate per le decisioni prese consapevolmente sbagliate, le bugie e le verità nascoste, come ad esempio sulla situazione dei lavoratori in Germania

E L’ITALIA?Schermata 2015-03-02 alle 08.09.13

http://shar.es/1WDMNI

Annunci

Piazze in Italia e in Grecia: inno globale contro il fascismo e contro le politiche della Troika

http://video.repubblica.it/embed/mondo/giovanna-marini-bella-ciao-il-canto-mondiale-delle-resistenze/189766/188712&width=570&height=321

Dalla piazza greca di Tsipras alla Francia di Charlie Ebdo, dalle manifestazioni antigovernative in Turchia a quelle contro Yanukovich in Ucrainia, fino ai cortei di Occupy Hong Kong. Bella Ciao viene cantata in tutto il mondo. Ma come è nata? Quando? Perché è diventata globale? Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice etnomusicale, ci accompagna in un viaggio tra le note e le parole di una canzone scoperta nelle risaie del Piemonte negli anni ’60 (ma la cui melodia ha origini più antiche, forse Yiddish), “un lamento dal sapore slavo”, poi inno partigiano, che oggi diventa globale in quanto epico.

Cremona
Scontri tra manifestanti antifascisti e polizia a Cremona durante la manifestazione organizzata dai centri sociali cittadini per protestare contro l’azione dei militanti di CasaPound che il 18 dicembre hanno aggredito e ferito gravemente alla testa Emilio Visigalli, esponente del centro sociale Dordoni, in coma per le ferite subite. Il corteo, alla cui testa ha sfilato anche la moglie dell’uomo vittima dell’agguato al termine della partita Cremonese-Mantova, è aperto da uno striscione con la scritta “Chiudere tutti i covi fascisti, Emilio resisti lottiamo con te” ed è composto da militanti dei centri sociali provenienti da varie regioni italiane.

Emilio Visigalli, 49 anni, è rimasto gravemente ferito dopo un raid organizzato da militanti di Casapound, al termine della partita Cremonese-Mantova. Un agguato che ha ridotto l’uomo in coma per le ferite alla testa causate dai calci e le sprangate con cui è stato più volte colpito. Dietro all’azione, conferma la Questura di Cremona, non ci sarebbero motivazioni sportive: si tratterebbe bensì di un raid a sfondo politico. “Una cinquantina di persone – ha riferito a ilfattoquotidiano.it un testimone, Michele Arena, del centro sociale Dordoni – si sono staccate dal gruppo di tifosi e hanno assaltato il centro sociale. Venivano da fuori, dalle città vicine. Quelli che abbiamo riconosciuto venivano da Parma e da Brescia ed erano di Casapound. Con loro c’era il coordinatore provinciale di Casapound Cremona, Gianluca Galli”. Per gli scontri del 18 gennaio, sono indagati quattro militanti del centro sociale Dordoni e quattro esponenti di Casapound con le accuse di rissa aggravata e lesioni gravissime contestati a vario titolo.

agiamosubito

agiamosubito

Ragazzi per il bene comune Youth for the common good

Sostenibilità - Sustainability - Nachhaltigkeit - Sostenibilidad

Sebastiano Isaia

il punto di vista umano

in evidenza

agiamosubito

notav.info

agiamosubito

micromega-online

agiamosubito

LIBRE

agiamosubito

il manifesto

agiamosubito

Contropiano

agiamosubito

agiamosubito

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: