TUNISIA: morte di Brahami e scontro tra sinistra e islamisti

Oggi i furnerali

L’opposizione: «No pasaran! Dio protegga la Tunisia dagli islamisti fascisti e nemici del progresso»

tunisia

In Tunisia lo scontro tra due diverse concezioni del potere e della democrazia è stato segnato dal sangue di una nuova morte, ancora una volta di un uomo di sinistra: il nuovo capo dell’opposizione Mohamed Brahmi, giustiziato con almeno 11 colpi di pistola nella sua auto, davanti a casa sua, nella Cité El Ghazala, alla periferia di Tunisi.

A uccidere l’oppositore Mohamed Brahmi – riporta l’Ansa in una break news, citando come fonte il ministro dell’Interno tunisino, Lotfi Ben Jeddou – è stato un salafita, Boubaker El Hakim, che ha usato la stessa pistola utilizzata nell’omicidio di Chokri Belaid. Ci sono già 14 indagati per l’agguato di ieri, mentre fino ad ora il governo islamista parlava di 6 sospetti. Le rivelazioni sembrano quindi spostare l’attenzione sull’ala più dura del salafismo, quella che invia uomini a combattere in Siria (e prima in Afghanistan, Iraq e Libia), che accusa Hennada di essere troppo morbida e che odia la sinistra laica che definisce infedele ed apostata.

Brahmi era un membro dell’Assemblée nationale constituante (Anc),  coordinatore generale del’Attayar Achaabi/Courant populaire, un partito di ispirazione socialista. Diversi parlamentari dell’Anc riferiscono di un attentato fotocopia di quello  che a febbraio tolse la vita a Chokri Belaid, il precedente capo dell’opposizione di sinistra: due sicari in moto si sono avvicinati a Brahami appena salito in auto e lo hanno abbattuto. L’assassinio assume il valore di un vero e proprio avvertimento, visto che è stato perpetrato nel giorno de 56esimo anniversario della Repubblica tunisina.

L’assassinio del dirigente del Front populaire, che raccoglie la sinistra tunisina, ha provocato una nuova ondata di manifestazioni contro il partito islamico al potere, Ennahda, e scontri con le forze dell’ordine in tutta la Tunisia.  Brahmi era molto noto per le sue opinioni di sinistra e le sue critiche agli islamisti, e negli ultimi giorni aveva chiesto che il popolo tunisino facesse una nuova rivoluzione dei gelsomini per sviluppare la democrazia «Secondo uno scenario egiziano», cioè togliendo il potere con la piazza ai Fratelli Musulmani che in Tunisia si incarnano in Ennahda, il cui governo ha provocato la stessa delusione di quello egiziano appena rovesciato dai militari.

A Sidi Bouzid, patria dell’oppositore assassinato e culla della  ”révolution de jasmin” del 2010-2011, i manifestanti hanno incendiato la sede di Ennahda. Uno sciopero generale di tutti i sindacati tunisini ha bloccato a terra gli aerei della compagnia di bandiera Tunisair e già ieri c’erano state numerose manifestazioni di protesta in tutto il Paese, con scontri particolarmente violenti e con lanci di lacrimogeni da parte della polizia a Sfax. A Tunisi, dopo che i militanti di sinistra erano scesi spontaneamente in piazza a gruppi, nella serata di ieri ci sono stati scontri  con la polizia nella centralissima Avenue Bourghiba, il principale scenario della rivoluzione che cacciò il dittatore filo-occidentale Ben Alì.

I manifestanti scandivano slogan come «Abbasso i torturatori del popolo» e «Abbasso il partito dei Fratelli»; a farne le spese è stata una troupe di Al-Jazira, che i manifestanti vedono come un’emanazione del governo del Qatar, sempre più impegnato a sostenere l’estremismo islamico e partiti “moderati” come Hennada.

Il partito islamico ha condannato l’assassinio di Brahmi dicendo che «Si tratta di un nuovo tentativo mirante a minare la sicurezza ed a trascinare il Paese in un conflitto fratricida».  Anche il capo del governo, Ali Lârayedh, sposa la teoria della strategia della tensione da parte di partiti (la stessa sinistra) che cercano di copiare lo scenario egiziano, e non ha trovato di meglio che andare in televisione a minacciare i manifestanti:  «Il governo e la legittimità sono l’obiettivo di questo assassinio. Abbiamo dato l’ordine alle unità di sicurezza di perseguire coloro che chiamano all’anarchia e a portarli davanti alla giustizia». Ma proprio Hennada viene indicato come il mandante, almeno politico/morale, degli omicidi di Belaid e Brahmi.

Ieri il portavoce del Front populaire, Hamma Hammami, ha rivolto un appello al popolo tunisino per «La disobbedienza civile, la caduta del governo, la dissoluzione dell’Anc, la creazione di un governo di salute pubblica e lo sciopero generale nel giorno della sepoltura del martire». Più o meno le stesse cose  chiese da una coalizione di partiti ed organizzazioni della società civile che si sono riunite a Safx nella sezione del Parti Unifié des Citoyens Démocrates, che hanno chiesto anche  ai parlamentari dell’Assemblée nationale constituante di dimettersi. «La dissoluzione della stessa Anc e di tutte le istituzioni emanazione di questa assemblea (il governo e la presidenza della Repubblica), lo scioglimento di tutti i partiti di ispirazione religiosa per il loro coinvolgimento negli omicidi e la dissoluzione di tutte le organizzazioni paramilitari che agiscono sotto i loro ordini (Lpr…)». L’opposizione ha chiesto a polizia ed esercito di «Rispettare la neutralità politica».

Il clima che si respira lo riassume bene sul giornale on-line Kapitalist uno dei più noti blogger tunisini, Mohamed Ridha Bouguerra, che si chiede: «Dopo l’assassinio di Mohamed Brahmi a chi toccherà la prossima volta?».  Secondo  Bouguerra, «Incoraggiati dall’impunità di cui godono, 6 mesi dopo il loro crimine, i criminali mandanti dell’assassinio di Chokri Belaid, gli squadroni della morte entrano di nuovo in pista uccidendo un altro dirigente dell’opposizione,  Mohamed Brahmi. Nello spazio di 9 mesi, la Tunisia ha conosciuto tre assassinii politici. Tutti e tre hanno colpito militanti o dirigenti dell’opposizione alla coalizione contro natura attualmente al potere, dominata dal Partito conservatore islamista Ennahdha».

Bouguerra non ha dubbi sulla responsabilità politica e morale di Ennahdha: «All’inizio c’è stato l’odioso linciaggio nelle strade di Médenine di Lotfi Nagdh, responsabile locale di Nida Tounès, nell’ottobre 2012. In seguito ci fu  la morte in pieno giorno di Chokri Belaid, leader del Partito di sinistra Al-Watad. Ed è nel giorno della Fête de la République che è stato abbattuto – verso mezzogiorno e davanti agli occhi di tutta la sua famiglia -, con almeno 11 proiettili, Mohamed Brahmi, coordinatore del Mouvement populaire. La domanda  è: a chi toccherà la prossima volta?  Perché, manifestamente, il ciclo della violenza politica, una volta innescato,  non si ferma prima di aver realizzato i suoi sinistri obiettivi. Questo in effetti mira ad intimidire e a far tacere, in tutti i modi, tutte le voci discordanti e portatrici di un altro progetto di quello teocratico proposto dal Partito di Rached Ghannouchi, affiliato al movimento dei Fratelli Musulmani, che sono stati cacciati dal potere in Egitto. Non è Sahbi Atig, capo del blocco di Ennahdha all’Assemblée constituante, che ha chiamato, solo lo scorso 12 luglio, a spandere il sangue di ogni persona che avrebbe, secondo loro, l’audacia di osare contestare questa legittimità delle urne che gli è così cara? Mohamed Brahmi era, precisamente, quel genere di persona della quale non sopportano di sentire la voce!»

Bouguerra si rivolge direttamente agli islamisti accusandoli di armare gli squadroni della morte che attaccano la sinistra tunisina, come facevano i tagliagole del vecchio regime: «Se lei, Atig non è fisicamente responsabile di questo omicidio, che getta nel lutto la nostra festa nazionale, ne è moralmente e politicamente l’ispiratore! La sua recente dichiarazione pubblica all’avenue Habib Bourguiba ha seminato il grano velenoso! Con le vostre proposte criminali ed irresponsabili avete scatenato le forze del male e rivelato l’odioso viso della morte. Incoraggiati dall’impunità di cui godono, 6 mesi dopo il loro crimine, i criminali mandanti dell’assassinio di Chokri Belaid, si ripresentano ed utilizzano un modus operativo che ha già avuto successo, armando nuovamente la mano degli esecutori. Ora, gli squadroni della morte entreranno nella danza! Le sezioni d’assalto fasciste esibiranno i loro muscoli e spargeranno il sangue dei democratici e dei partigiani difensori di una Tunisia moderna, laica, aperta, egualitaria e democratica.

No pasaran! Ecco la nostra risposta! Che Dio protegga la Tunisia dagli islamisti fascisti e nemici del progresso!»

– See more at: http://www.greenreport.it/news/geopolitica/omicidio-di-mohamed-brahmi-la-tunisia-allo-scontro-finale-tra-sinistra-e-islamisti/#sthash.63AwFs42.dpuf

Annunci

Cosa potrà succedere (e che non vorremmo) in America latina alla morte di Chavez , ormai in fin di vita?

chavez

Facciamo un quadro della situazione politica generale ed incrociamo le dita e non perdiamo di vista questo continente!

Scendiamo per l’America Latina, dall’alto in basso. Con l’eccezione del Nicaragua dei sandinisti (che ieri ha annunciato di aver creato più posti di lavoro a tempo indeterminato di tutto il Mesoamerica), dal Rio Bravo al confine colombiano, imperversa la militarizzazione neoliberista e narcotrafficante imposta dagli Usa con colpi di Stato, elezioni truccate, finti socialdemocratici ed effettivi fantocci. Il Messico di Neto, ladro delle vittoria di Lopez Obrador, insanguinato dall’incessante carneficina di cartelli e militari, entrambi controllati dagli “specialisti” Usa, e l’Honduras della decimazione degli oppositori al post-golpista Lobo e dei contadini nelle aree sequestrate dai latifondisti delle monoculture, sono i modelli di una riconquista strisciante del “cortile di casa” yankee. Con quelle basi militari che Zelaya, presidente liberal honduregno rovesciato dal golpe di Obama, voleva chiudere, l’intervento diretto di militari Usa contro i settori sociali in lotta (Misquitos), la DEA nuovamente regolatrice dei percorsi ed equilibri del narcotraffico, il corridoio, che deve assicurare il transito della droga dalla Colombia al famelico mercato Usa e alle sue banche, è stato consolidato e blindato.
(altro…)

L’“obiettivo indicibile” di Washington consiste nella disgregazione della Siria come nazione sovrana

Le radici storiche della guerra segreta USA-NATO contro la Siria usa

del Prof. Michel Chossudovsky

Terrorismo dal “Volto Umano”: la storia degli squadroni della morte degli Stati Uniti.

Squadroni della morte in Iraq e in Siria.

http://www.globalresearch.ca/terrorism-with-a-human-face-the-history-of-americas-death-squads/5317564

Michel Chossudovsky è un autore di prestigio, professore emerito di scienze economiche presso l’Università di Ottawa, fondatore e direttore del Centro per la Ricerca sulla Globalizzazione (CRG), Montreal, ed editore del sito web globalresearch.ca.

Fra le altre opere, ha scritto “La globalizzazione della povertà e il Nuovo Ordine Mondiale” (2003) e “La guerra dell’America  al terrorismo” (2005).

Il suo libro più recente è intitolato “Verso uno scenario da III Guerra Mondiale: i pericoli di una guerra nucleare” (2011). Egli è anche un collaboratore dell’ Enciclopedia Britannica. I suoi lavori sono state pubblicati in più di venti lingue.

(Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova)

Global Research, 4 gennaio 2013

Il reclutamento degli squadroni della morte fa parte di una ben consolidata agenda militar-spionistica degli Stati Uniti.

Degli Stati Uniti, esiste una storia lunga e macabra, di finanziamenti clandestini e di sostegno di brigate del terrore e di omicidi mirati, risalente alla guerra del Vietnam.

http://www.serendipity.li/cia/death_squads1.htm

Nel momento in cui le forze governative della Siria continuano a contrastare l’auto-proclamatosi “Libero Esercito Siriano” (FSA), le radici storiche della guerra segreta dell’Occidente contro la Siria, che ha prodotto come risultato atrocità senza pari, devono essere pienamente portate alla luce.

Fin dall’inizio del marzo 2011, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno sostenuto la formazione di squadroni della morte e l’incursione di brigate terroristiche in un’impresa attentamente pianificata.
(altro…)

agiamosubito

agiamosubito

Ragazzi per il bene comune Youth for the common good

Sostenibilità - Sustainability - Nachhaltigkeit - Sostenibilidad

Sebastiano Isaia

il punto di vista umano

in evidenza

agiamosubito

notav.info

agiamosubito

micromega-online

agiamosubito

LIBRE

agiamosubito

IxR

Cerca, Conosci, Condividi

il manifesto

agiamosubito

Contropiano

agiamosubito

agiamosubito

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: