Noam Chomsky: America paved the way for ISIS

chomsky1This article originally appeared on Jacobin.

Jacobin is happy to feature an interview with journalist David Barsamian and Professor Noam Chomsky. In it, Chomsky explains the roots of ISIS and why the United States and its allies are responsible for the group’s emergence. In particular, he argues that the 2003 invasion of Iraq provoked the sectarian divisions that have resulted in the destabilization of Iraqi society. The result was a climate where Saudi-funded radicals could thrive.

The interview also touches on Israel’s most recent massacre in the Gaza Strip, putting it in the context of the vital role Israel has always played for the United States. Chomsky then turns to today’s racist scapegoating of Guatemalan immigrants, tracing the conditions that lead them to leave their homes to the Reagan administration’s brutal destruction of the country.

Finally, Chomsky shares his thoughts on the growing movement for climate justice and why he thinks it is the most urgent of our time. The full exchange will be broadcast by Alternative Radio.

There are few voices more vital to the Left than Professor Chomsky’s. We hope you read and share the interview widely.


THE MIDDLE EAST IS ENGULFED IN FLAMES, FROM LIBYA TO IRAQ. THERE ARE NEW JIHADI GROUPS. THE CURRENT FOCUS IS ON ISIS. WHAT ABOUT ISIS AND ITS ORIGINS?

There’s an interesting interview that just appeared a couple of days ago with Graham Fuller, a former CIA officer, one of the leading intelligence and mainstream analysts of the Middle East. The title is “The United States Created ISIS.” This is one of the conspiracy theories, the thousands of them that go around the Middle East.

But this is another source: this is right at the heart of the US establishment. He hastens to point out that he doesn’t mean the US decided to put ISIS into existence and then funded it. His point is — and I think it’s accurate — that the US created the background out of which ISIS grew and developed. Part of it was just the standard sledgehammer approach: smash up what you don’t like.

In 2003, the US and Britain invaded Iraq, a major crime. Just this afternoon the British parliament granted the government the authority to bomb Iraq again. The invasion was devastating to Iraq. Iraq had already been virtually destroyed, first of all by the decade-long war with Iran in which, incidentally, Iraq was backed by the US, and then the decade of sanctions.


ADVERTISEMENT

They were described as “genocidal” by the respected international diplomats who administered them, and both resigned in protest for that reason. They devastated the civilian society, they strengthened the dictator, compelled the population to rely on him for survival. That’s probably the reason he wasn’t sent on the path of a whole stream of other dictators who were overthrown.

Finally, the US just decided to attack the country in 2003. The attack is compared by many Iraqis to the Mongol invasion of a thousand years earlier. Very destructive. Hundreds of thousands of people killed, millions of refugees, millions of other displaced persons, destruction of the archeological richness and wealth of the country back to Sumeria.

One of the effects of the invasion was immediately to institute sectarian divisions. Part of the brilliance of the invasion force and its civilian director, Paul Bremer, was to separate the sects, Sunni, Shi’a, Kurd, from one another, set them at each other’s throats. Within a couple of years, there was a major, brutal sectarian conflict incited by the invasion.

You can see it if you look at Baghdad. If you take a map of Baghdad in, say, 2002, it’s a mixed city: Sunni and Shi’a are living in the same neighborhoods, they’re intermarried. In fact, sometimes they didn’t even know who was Sunni and who was Shi’a. It’s like knowing whether your friends are in one Protestant group or another Protestant group. There were differences but it was not hostile.

In fact, for a couple of years both sides were saying: there will never be Sunni-Shi’a conflicts. We’re too intermingled in the nature of our lives, where we live, and so on. By 2006 there was a raging war. That conflict spread to the whole region. By now, the whole region is being torn apart by Sunni-Shi’a conflicts.

The natural dynamics of a conflict like that is that the most extreme elements begin to take over. They had roots. Their roots are in the major US ally, Saudi Arabia. That’s been the major US ally in the region as long as the US has been seriously involved there, in fact, since the foundation of the Saudi state. It’s kind of a family dictatorship. The reason is it has a huge amount oil.

Britain, before the US, had typically preferred radical Islamism to secular nationalism. And when the US took over, it essentially took the same stand. Radical Islam is centered in Saudi Arabia. It’s the most extremist, radical Islamic state in the world. It makes Iran look like a tolerant, modern country by comparison, and, of course, the secular parts of the Arab Middle East even more so.

It’s not only directed by an extremist version of Islam, the Wahhabi Salafi version, but it’s also a missionary state. So it uses its huge oil resources to promulgate these doctrines throughout the region. It establishes schools, mosques, clerics, all over the place, from Pakistan to North Africa.

An extremist version of Saudi extremism is the doctrine that was picked up by ISIS. So it grew ideologically out of the most extremist form of Islam, the Saudi version, and the conflicts that were engendered by the US sledgehammer that smashed up Iraq and has now spread everywhere. That’s what Fuller means.

Saudi Arabia not only provides the ideological core that led to the ISIS radical extremism, but it also funds them. Not the Saudi government, but wealthy Saudis, wealthy Kuwaitis, and others provide the funding and the ideological support for these jihadi groups that are springing up all over the place. This attack on the region by the US and Britain is the source, where this thing originates. That’s what Fuller meant by saying the United States created ISIS.
(altro…)

Annunci

NIGERIA: c’entra con l’UnioneEuropea quindi anche con l’italia, anche #Napolitano per l’accordo dei fantastici “3” alla sua elezione? Si c’entra e c’entra tutta l’africa

INIZIAMO DALLA DOMANDA FINALE

CHE TIPO DI POLITICA ESTERA (OLTRE CHE INTERNA)  HANNO PERSEGUITO I PARTITI CHE HANNO VOTATO LA CANDIDATURA DI NAPOLITANO?

LEGGETE E DITEMI CHE NE PENSATE!!

ELENCO DELLE SIGLE CHE TROVERETE NEL TESTO CON DIVERSISSIMI INTENTI DA QUELLI DICHIARATI

SIGLE “UMANITARIE
1)National Endowment for Democracy (NED)
Fédération internationale des ligues des droits de l’Homme (FIDH)
Lega libico per i diritti umani (LLHR)
Organisation commune des regions sahariennes, (OCR)
IsraelE Istituto di Alti Studi Strategici e Politici (IASPS)
Trans-Saharan Counterterrorism Initiative (TSCTI)
Institut français des relazioni internationals, (IFRI)

SIGLE COMANDI OPERATIVI
Comando europeo degli Stati Uniti (EUCOM)
US Central Command (CENTCOM)
Africa Command degli Stati Uniti (AFRICOM)

SIGLE GRUPPI OPPOSITORI

2)Centro per gli Studi Strategici e Internazionali (CSIS)
 Fronte Nazionale per la Salvezza della Libia
Gruppo Salafita per la Predicazione e il Combattimento (GSPC)
Gruppo combattente islamico libico (LIFG)
Fratelli Musulmani

COME SPIEGARE TUTTI QUESTI GRUPPI “UMANITARI” (1) IN ZONE RICCHISSIME DI MATERIE PRIME e L’AUMENTARE DELLE GUERRE E DELLE DIVISIONI TRIBALI?. COME COLLEGARE TUTTO QUESTO AI GRUPPI DI “OPPOSIZIONE-TERRORISMO”? (2)

Una ripetizione del disordine e del pandemonio generato in Afghanistan è in cantiere per il continente africano.

Gli Stati Uniti, con l’aiuto di Gran Bretagna, Pakistan e Arabia Saudita, hanno creato i brutali taliban e poi, alla fine, combattere una guerra contro i suoi alleati taliban. Allo stesso modo, in tutta l’Africa, gli Stati Uniti e i loro alleati, stanno creando una nuova serie di futuri nemici da combattere, ma dopo aver inizialmente lavorato con essi o utilizzandoli per seminare i semi del caos in Africa.

Washington ha letteralmente aiutato le insurrezioni con finanziamenti e progetti di cambiamento di regime in Africa. “Diritti umani” e “democratizzazione” sono utilizzati anche come cortina fumogena del colonialismo e della guerra. I cosiddetti diritti umani e le organizzazioni umanitarie, sono ormai partner in questo progetto imperialista contro l’Africa.

Francia e Israele: sono le outsourcing di Washington per le operazioni sporche in Africa?

L’Africa è solo un fronte internazionale per un sistema imperiale in espansione. I meccanismi di un vero e proprio sistema globale imperiale sono al lavoro in questo senso. Washington agisce attraverso la NATO e dei suoi alleati in Africa. Ognuno degli alleati e dei satelliti di Washington, ha un ruolo specifico da svolgere in questo sistema globale dell’impero. Tel Aviv ha svolto un ruolo molto attivo nel continente africano. Israele è stato uno dei principali sostenitori del Sud Africa durante il regime dell’apartheid. Tel Aviv ha anche aiutato a contrabbandare armi in Sudan e in Africa orientale, per balcanizzare quella grande nazione africana, contribuendo alla destabilizzazione dell’Africa orientale. Gli israeliani sono stati molto attivi in Kenya e Uganda. Israele è stato presente ovunque ci fossero conflitti, compresi quelli relativi ai diamanti insanguinati.

Israele sta ora lavorando con Washington per stabilire l’egemonia totale sul continente africano. Tel Aviv è attivamente coinvolto – attraverso i suoi legami commerciali e le operazioni di intelligence – per garantire i contatti e gli accordi richiesti da Washington per l’estensione dei suoi interessi in Africa. Uno dei principali obiettivi di Washington è interrompere lo sviluppo dell’influenza cinese in Africa. Israele e i think-tank israeliani, hanno anche svolto un ruolo importante nel plasmare il geo-stratagemma degli Stati Uniti in Africa.

La Francia, come un ex padrone coloniale e potenza in declino, invece, è sempre stata un rivale e concorrente di Washington nel continente africano. Con l’aumento dell’influenza di potenze non tradizionali in Africa, come la Repubblica popolare cinese, sia Washington che Parigi hanno previsto modalità di cooperazione. Sul più ampio palcoscenico globale, questo è anche evidente. Sia gli Stati Uniti che molte delle maggiori potenze dell’Unione europea, considerano la Cina e le altre potenze emergenti come una minaccia globale. Hanno deciso di porre fine alla loro rivalità e di lavorare insieme. Così, un accordo tra Washington e l’Unione europea è stato preso, portando ad alcune forme di integrazione politica. Questo consenso può anche essere stato prodotto dalla crescente influenza degli Stati Uniti in capitali europee. In ogni caso, è stato potenziato dall’inizio della presidenza di Nicolas Sarkozy, nel 2007.

Il presidente Sarkozy non ha perso tempo spingendo per la reintegrazione della struttura di comando militare francese in seno alla NATO. Le conseguenze di questa azione ha portato alla subordinazione dei militari francesi al Pentagono. Questo ruolo è quello di un gendarme regionale in Nord Africa, Africa occidentale, Africa centrale, e in tutti i paesi che erano ex colonie francesi. Quindi NED E FIDH LAVORANO di comune accordo anzi sa seconda subordinata alla prima.E’ stata la FIDH e la Lega libico per i diritti umani (LLHR) affiliata, che hanno contribuito a orchestrare i vari pretesti per la guerra della NATO contro la Libia.

Il partenariato tra la FIDH e la NED è per lo più basata in Africa e nel mondo arabo, dove si interseca. Queste partnership operano in una zona che comprende paesi come la Costa d’Avorio (Costa d’Avorio), il Niger, e la Repubblica Democratica del Congo. Il Nord Africa, che comprende la Libia e Algeria, è stata una determinata area focalizzata dalla FIDH , dove Washington, Parigi e la NATO hanno chiaramente grandi ambizioni.
Nel 2010, una sovvenzione di 140.186 dollari del NED (Stati Uniti) è stata uno degli ultimi importi indicati dalla FIDH per il suo lavoro in Africa.  Il NED è stato anche uno dei primi firmatari, insieme con la Lega libica per i diritti umani (LLHR)  e l’osservatorio delle Nazioni Unite, a chiedere l’intervento internazionale contro la Libia.
Fu nel 2007 che AFRICOM fu creato. E’ importante notare che questo slancio ha ricevuto anche l’incoraggiamento di Israele, a causa degli interessi di Israele in Africa. L’Istituto di Alti Studi Strategici e Politici (IASPS), per esempio, è stata una delle organizzazioni israeliane che hanno sostenuto la creazione di AFRICOM. Sulla base del Pan-Sahel Initiative, la Trans-Saharan Counterterrorism Initiative (TSCTI) fu lanciata dal Pentagono nel 2005, sotto il comando del CENTCOM. Mali, Ciad, Mauritania e Niger furono ora raggiunti da Algeria, Mauritania, Marocco, Senegal, Nigeria e Tunisia, nel giro della cooperazione militare africana con il Pentagono

Combattere il terrorismo” e eseguire missioni umanitarie”, sono solo facciate o cortine fumogene per Washington e i suoi alleati. Mentre gli obiettivi dichiarati del Pentagono sono combattere il terrorismo in Africa, gli obiettivi reali di Washington (e degli altri paesi alleati) sono ristrutturare l’Africa e stabilire un ordine neo-coloniale.

A questo proposito, Washington ha effettivamente adottato i progetti coloniali della Francia in Africa. Ciò include anche l’iniziativa inglese, italiana, statunitense e francese per dividere la Libia, dal 1943, così come l’iniziativa unilaterale francese per ridisegnare il Nord Africa. In questo schema, gli Stati Uniti e le sue coorti hanno intenzione di creare guerre etniche e odio settario tra i berberi, gli arabi ed altri in Nord Africa.

Washington aveva chiaramente in mente questa zona ricca di energia e ricco di risorse, quando ha disegnato le aree dell’Africa che hanno bisogno di essere purificate dalle presunte cellule e bande terroristiche. L’Istituto Francese di Relazioni Internazionali (Institut français des relazioni internationals, IFRI), ha anche apertamente discusso  questo legame tra terroristi e zone ricche di energia, in un report del marzo 2011. [5] E’ in questo contesto che la fusione di interessi e le aziende franco-tedeschi e anglo-statunitensi, hanno consentito alla Francia di diventare parte integrante del sistema imperiale globale statunitense, con interessi comuni.

(altro…)

Cosa potrà succedere (e che non vorremmo) in America latina alla morte di Chavez , ormai in fin di vita?

chavez

Facciamo un quadro della situazione politica generale ed incrociamo le dita e non perdiamo di vista questo continente!

Scendiamo per l’America Latina, dall’alto in basso. Con l’eccezione del Nicaragua dei sandinisti (che ieri ha annunciato di aver creato più posti di lavoro a tempo indeterminato di tutto il Mesoamerica), dal Rio Bravo al confine colombiano, imperversa la militarizzazione neoliberista e narcotrafficante imposta dagli Usa con colpi di Stato, elezioni truccate, finti socialdemocratici ed effettivi fantocci. Il Messico di Neto, ladro delle vittoria di Lopez Obrador, insanguinato dall’incessante carneficina di cartelli e militari, entrambi controllati dagli “specialisti” Usa, e l’Honduras della decimazione degli oppositori al post-golpista Lobo e dei contadini nelle aree sequestrate dai latifondisti delle monoculture, sono i modelli di una riconquista strisciante del “cortile di casa” yankee. Con quelle basi militari che Zelaya, presidente liberal honduregno rovesciato dal golpe di Obama, voleva chiudere, l’intervento diretto di militari Usa contro i settori sociali in lotta (Misquitos), la DEA nuovamente regolatrice dei percorsi ed equilibri del narcotraffico, il corridoio, che deve assicurare il transito della droga dalla Colombia al famelico mercato Usa e alle sue banche, è stato consolidato e blindato.
(altro…)

Equilibri mondiali: USA e le politiche militari in Africa (in inglese) Strategy military U.S. in Africa

WASHINGTON—The White House has promoted a strategy of keeping as light a U.S. footprint as possible in Africa, focusing on training and funding local militaries and providing logistical and intelligence support to African Union-led combat operations.

But events in Mali, Algeria and other countries are now spurring a reconsideration of the military role the U.S. should take on the continent, U.S. officials said.

image

Google Earth/ReutersA satellite image of the facility in Algeria where terrorists seized Algerian and foreign hostages on Wednesday.

The White House and African analysts have voiced fears that a more direct U.S. role could weaken local governments and further inflame Islamist extremism. U.S. officials have also questioned the direct national security threat posed by such Africa-based militants as AQIM, Somalia’s al-Shabaab militia and the Lord’s Resistance Army in central Africa.
(altro…)

Nessun presidente ha fatto ricorso all’omicidio segreto quanto Obama. Omicidi e stragi mirate coi droni, torture e abusi

Barack Obama continua i rapimenti e i trasferimenti di sospetti nemici negli Stati Uniti.

Sempre più spesso  eliminati attraverso i droni che bombardano indisturbati in Yemen, Somalia, Pakistan. . E le popolazioni di questi paesi? E i veri motivi? Destabilizzazioni? Interessi petroliferi?

ECCOLI!

la somalia ad esempio è ricca di petrolio!!

Pakistan attacco droni 3 morti

L’ultimo caso: due svedesi e un britannico rapiti a Gibuti

L’Fbi continua a portare avanti la pratica delle “rendition”, ovvero l’arresto-rapimento all’estero di “sospetti terroristi” con trasferimento forzoso all’interno dei confini statunitensi senza regolare processo e in violazione delle stesse leggi di Washington.

A denunciarlo è il quotidiano Washington Post, rivelando l’ultimo caso che ha coinvolto tre cittadini europei, due svedesi e un britannico, rapiti illegalmente nella piccola repubblica africana di Gibuti perché sospettati di essere membri di al-Shabab, formazione armata islamista attiva nella vicina Somalia. Il ministero degli Esteri svedese ha confermato l’arresto, in agosto, e la successiva estradizione clandestina, di Ali Yashin Ahmed, 23 anni, e Mohamed Yusuf, 29, poi trattenuti dall’Fbi per oltre due mesi e a lungo interrogati.
(altro…)

agiamosubito

agiamosubito

Ragazzi per il bene comune Youth for the common good

Sostenibilità - Sustainability - Nachhaltigkeit - Sostenibilidad

Sebastiano Isaia

il punto di vista umano

in evidenza

agiamosubito

notav.info

agiamosubito

micromega-online

agiamosubito

LIBRE

agiamosubito

il manifesto

agiamosubito

Contropiano

agiamosubito

agiamosubito

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: