Noam Chomsky: America paved the way for ISIS

chomsky1This article originally appeared on Jacobin.

Jacobin is happy to feature an interview with journalist David Barsamian and Professor Noam Chomsky. In it, Chomsky explains the roots of ISIS and why the United States and its allies are responsible for the group’s emergence. In particular, he argues that the 2003 invasion of Iraq provoked the sectarian divisions that have resulted in the destabilization of Iraqi society. The result was a climate where Saudi-funded radicals could thrive.

The interview also touches on Israel’s most recent massacre in the Gaza Strip, putting it in the context of the vital role Israel has always played for the United States. Chomsky then turns to today’s racist scapegoating of Guatemalan immigrants, tracing the conditions that lead them to leave their homes to the Reagan administration’s brutal destruction of the country.

Finally, Chomsky shares his thoughts on the growing movement for climate justice and why he thinks it is the most urgent of our time. The full exchange will be broadcast by Alternative Radio.

There are few voices more vital to the Left than Professor Chomsky’s. We hope you read and share the interview widely.


THE MIDDLE EAST IS ENGULFED IN FLAMES, FROM LIBYA TO IRAQ. THERE ARE NEW JIHADI GROUPS. THE CURRENT FOCUS IS ON ISIS. WHAT ABOUT ISIS AND ITS ORIGINS?

There’s an interesting interview that just appeared a couple of days ago with Graham Fuller, a former CIA officer, one of the leading intelligence and mainstream analysts of the Middle East. The title is “The United States Created ISIS.” This is one of the conspiracy theories, the thousands of them that go around the Middle East.

But this is another source: this is right at the heart of the US establishment. He hastens to point out that he doesn’t mean the US decided to put ISIS into existence and then funded it. His point is — and I think it’s accurate — that the US created the background out of which ISIS grew and developed. Part of it was just the standard sledgehammer approach: smash up what you don’t like.

In 2003, the US and Britain invaded Iraq, a major crime. Just this afternoon the British parliament granted the government the authority to bomb Iraq again. The invasion was devastating to Iraq. Iraq had already been virtually destroyed, first of all by the decade-long war with Iran in which, incidentally, Iraq was backed by the US, and then the decade of sanctions.


ADVERTISEMENT

They were described as “genocidal” by the respected international diplomats who administered them, and both resigned in protest for that reason. They devastated the civilian society, they strengthened the dictator, compelled the population to rely on him for survival. That’s probably the reason he wasn’t sent on the path of a whole stream of other dictators who were overthrown.

Finally, the US just decided to attack the country in 2003. The attack is compared by many Iraqis to the Mongol invasion of a thousand years earlier. Very destructive. Hundreds of thousands of people killed, millions of refugees, millions of other displaced persons, destruction of the archeological richness and wealth of the country back to Sumeria.

One of the effects of the invasion was immediately to institute sectarian divisions. Part of the brilliance of the invasion force and its civilian director, Paul Bremer, was to separate the sects, Sunni, Shi’a, Kurd, from one another, set them at each other’s throats. Within a couple of years, there was a major, brutal sectarian conflict incited by the invasion.

You can see it if you look at Baghdad. If you take a map of Baghdad in, say, 2002, it’s a mixed city: Sunni and Shi’a are living in the same neighborhoods, they’re intermarried. In fact, sometimes they didn’t even know who was Sunni and who was Shi’a. It’s like knowing whether your friends are in one Protestant group or another Protestant group. There were differences but it was not hostile.

In fact, for a couple of years both sides were saying: there will never be Sunni-Shi’a conflicts. We’re too intermingled in the nature of our lives, where we live, and so on. By 2006 there was a raging war. That conflict spread to the whole region. By now, the whole region is being torn apart by Sunni-Shi’a conflicts.

The natural dynamics of a conflict like that is that the most extreme elements begin to take over. They had roots. Their roots are in the major US ally, Saudi Arabia. That’s been the major US ally in the region as long as the US has been seriously involved there, in fact, since the foundation of the Saudi state. It’s kind of a family dictatorship. The reason is it has a huge amount oil.

Britain, before the US, had typically preferred radical Islamism to secular nationalism. And when the US took over, it essentially took the same stand. Radical Islam is centered in Saudi Arabia. It’s the most extremist, radical Islamic state in the world. It makes Iran look like a tolerant, modern country by comparison, and, of course, the secular parts of the Arab Middle East even more so.

It’s not only directed by an extremist version of Islam, the Wahhabi Salafi version, but it’s also a missionary state. So it uses its huge oil resources to promulgate these doctrines throughout the region. It establishes schools, mosques, clerics, all over the place, from Pakistan to North Africa.

An extremist version of Saudi extremism is the doctrine that was picked up by ISIS. So it grew ideologically out of the most extremist form of Islam, the Saudi version, and the conflicts that were engendered by the US sledgehammer that smashed up Iraq and has now spread everywhere. That’s what Fuller means.

Saudi Arabia not only provides the ideological core that led to the ISIS radical extremism, but it also funds them. Not the Saudi government, but wealthy Saudis, wealthy Kuwaitis, and others provide the funding and the ideological support for these jihadi groups that are springing up all over the place. This attack on the region by the US and Britain is the source, where this thing originates. That’s what Fuller meant by saying the United States created ISIS.
(altro…)

Annunci

Egitto, ancora un buco nella strategia mediorientale Usa

Immagine

 Mentre sull’onda di un grande sommovimento popolare l’esercito destituisce Mohammed Morsi, primo presidente egiziano espressione della Fratellanza musulmana, le cronache ci parlano di un Barack Obama cauto e alquanto preoccupato. C’è da crederlo. Infatti cominciano ad essere un po’ troppi gli intralci che vengono a ingombrare la strategia mediorientale statunitense: una strategia che, abbandonando lo “scontro di civiltà” ispiratore di G. W. Bush, ha scommesso su un’apertura di credito nei confronti dell’Islam “moderato”. Ovviamente, questa modifica non ha messo minimamente in questione il disegno più generale di un “Grande Medio Oriente”, fondato sulla sicurezza e la supremazia (innanzitutto militare) di Israele e le salde relazioni con i Paesi del Golfo (e i loro giacimenti petroliferi). Entro tale quadro, un corollario assai utile, ancorché inconfessabile, ha continuato ad essere l’azione delle frange estreme del mondo islamico, i gruppi addestrati (anche in giro per l’Europa) e armati della Jihad, che hanno svolto il lavoro sporco in Libia e continuano a svolgerlo oggi in Siria.
Ma, come detto, non sempre le ciambelle riescono col buco. In generale, che i nemici giurati della “guerra al terrorismo” siano oggi diventati di fatto compagni d’arme più o meno clandestini è un rospo difficile da far digerire: non a caso, i primi a soffiare sul fuoco del dibattito interno e a denunciare tale contraddizione sono proprio i “neo-cons” teorici della “guerra infinita”. Inoltre, a tutto sembra condurre tale strategia tranne che all’agognata stabilità politica (e, soprattutto, economica). La Libia (come l’Iraq, come l’Afghanistan) è un territorio devastato, privo di legittimazione statuale e in costante ebollizione: abbiamo visto come i perversi effetti dell’intervento militare in quel Paese si siano poi estesi nell’area maghrebina fino al Mali. Persino l’alleato turco, perno essenziale degli interessi statunitensi nell’area mediorientale, è oggi in grande difficoltà interna.
Ora frana la presidenza egiziana dei Fratelli Musulmani, con cui Obama e Hillary Clinton avevano intrattenuto rapporti più che cordiali. «Dietro Morsi ci sono i Paesi del Golfo», ha annotato Samir Amin: e, in effetti, il presidente egiziano non aveva perso tempo a schierarsi con gli “Amici della Siria” (Usa, Arabia Saudita, ecc.) al fianco dei “ribelli” anti-Assad. Siffatte prove di fedeltà atlantica avevano fatto chiudere un occhio perfino davanti a episodi sgradevoli come l’accentramento dei poteri nelle mani del presidente e la torsione islamica impressa alla carta costituzionale. Il punto è, però, che il Corano non si mangia; e che, oltre alle rose, c’è urgenza di pane. Su questo l’indice di gradimento di Mohammed Morsi è precipitato: davanti all’approfondirsi della crisi economica, i Fratelli Musulmani non hanno saputo offrire risposte chiaramente alternative a quelle suggerite dal pensiero unico neoliberista (a cominciare dalla svendita del patrimonio pubblico). E’ una tale drammatica condizione materiale, non altro, ad aver spinto 13 milioni di egiziani a invadere le piazze del Paese e ad aver determinato quello che l’opposizione definisce «un golpe popolare contro il tiranno».
Beninteso, esattamente come un anno fa, il punto dirimente resta lo stesso: chi guida la rivolta? Qual è l’esito organizzato del moto di popolo? Mohammed El Baradei, già direttore generale dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA) nonché premio Nobel per la Pace, sembra essere il riferimento più autorevole dell’opposizione. E’ un democratico, di solido impianto liberale. In un’intervista concessa a ‘La Repubblica’, egli si mostra preoccupato per l’incipiente crisi dell’autorità statale e per il conseguente formarsi di un clima sfavorevole agli investimenti (in particolare, esteri): «Le riserve estere dell’Egitto sono state esaurite. Il deficit di bilancio quest’anno toccherà il 12% (…). Nei prossimi mesi l’Egitto potrebbe rischiare il default del proprio debito estero». Il problema è dunque quello di trovare una “stabilità” che garantisca investimenti e aperture di linee di credito: in una parola, la cosiddetta “modernizzazione” (capitalistica) del Paese. Chi è che assicura dunque una tale stabilità? Per ora, la palla è all’esercito: quello stesso esercito sino ad oggi difensore degli interessi della classe dominante e guardiano dei suoi propri privilegi. Gli Stati Uniti vigilano: per loro non conta il colore del gatto, purché mangi i topi (in questo caso, assicuri la sicurezza atlantica).
Nel frattempo, il risentimento popolare prova pervicacemente a rinverdire la sua “primavera”.
Bruno Steri
da http://www.puntorossoblog.com

Guerra, armi chimiche e interessi strategici occidentali: un’altra verità sulla Syria

Fonte video: Anastasia Popova
La Storia delle armi chimiche viene utilizzata per nascondere la sconfitta dei ribelli in Siria
La tempistica dei ripetuti attacchi di Tel Aviv alla Siria, nel maggio 2013, e l’avvio di un’altra serie di accuse e tensioni tra il governo turco e la Siria, e le conseguenti autobombe nella città turca di Reyhanli dicono molto.

In primo luogo, gli attacchi aerei di Tel Aviv, violando lo spazio aereo libanese, contro l’impianto ricerca militare siriano nella città di Jamraya, che si trova nella galassia urbana di Damasco, chiarisce il ruolo di Israele nel destabilizzare la Siria. Israele agisce essenzialmente come aviazione dell’insurrezione. In secondo luogo, le accuse della Turchia contro la Siria sono parte della campagna di demonizzazione del governo turco contro Damasco, usata per giustificare l’atteggiamento aggressivo della Turchia contro i siriani.

Gli attacchi israeliani di maggio seguono un attacco simile all’inizio del 2013, a gennaio. L’attacco è stato giustificato come azione per impedire l’arrivo di un convoglio in Libano per consegnare missili iraniani all’ala militare di Hezbollah. Queste offensive israeliane in Siria riguardano sia la raccolta di informazioni per le forze a terra e, secondo il governo siriano, sia la collaborazione israeliana con le forze antigovernative che combattono in Siria. Israele ha anche incrementato la presenza militare sulle alture del Golan. A parte i suoi aviogetti, Israele ora ha apertamente detto di aver inviato truppe, spie, veicoli e droni in Siria. E’ coinvolto nel supporto dell’insurrezione. Tel Aviv è stato anche colto a spiare la marina russa nel porto mediterraneo di Tartus, dove tre grandi dispositivi galleggianti per la trasmissione elettronica sono stati trovati al largo di un’isola, per monitorare le navi russe.

(altro…)

FERMIAMO la gigantesca EVASIONE FISCALE delle MULTINAZIONALI! FIRMATE!!!!!

Cari amici,

Tra pochi giorni i governi decideranno se colpire la gigantesca evasione fiscale delle multinazionali, del valore di mille miliardi di dollari all’anno, permettendo di raccogliere denaro sufficiente a mettere fine alla povertà, consentire a ogni bambino di andare a scuola e raddoppiare gli investimenti ecologici! Molti governi vogliono che anche le potenti multinazionali paghino le tasse, ma gli USA e il Canada non hanno ancora preso posizione. Per arrivare a un accordo abbiamo bisogno di metterli sotto pressione.

Mille miliardi di dollari è una cifra che supera le spese militari di tutti i paesi del pianeta messi assieme. E’ una cifra che supera il bilancio di 176 nazioni! Si tratta di 1000 dollari per ogni famiglia del pianeta. E, crediateci o meno, è l’ammontare di tasse! che le grandi multinazionali e i ricchi magnati del pianeta evadono ogni anno.

Non dovrebbe nemmeno servire discuterne. Per dare un’enorme spinta alle finanze pubbliche dei nostri paesi in un momento di tagli dolorosi e debiti, tutto quello di cui abbiamo bisogno è che ciascuno paghi le tasse in modo equo. Ma le grandi multinazionali americane stanno facendo enorme pressione per proteggere i loro collaudati sistemi di evasione. Una forte campagna pubblica contribuirebbe a mettere sotto i riflettori due leader, il presidente Obama e il primo ministro Harper, che rischiano di difendere questo fenomeno che corrompe la società impedendo al pianeta di fare questo enorme passo in avanti. Raggiungiamo un milione di persone e Avaaz consegnerà la nostra richiesta ai leader e ai media nel bel mezzo dei negoziati:

http://www.avaaz.org/it/g8_tax_havens_p/?tRxDbbb

Apple, una delle aziende più ricche! , in pratica ha pagato 0 dollari di tasse sui 78 miliardi guadagnati in questi anni mettendo in piedi una serie di scatole cinesi in paesi a una bassa tassazione e mandando i profitti all’estero. Questo genere di evasione fiscale permette alle aziende multinazionali di avere un enorme vantaggio sulle aziende nazionali di minore dimensione. Si tratta di una pratica che ha un impatto negativo sul mercato, la democrazia e la stabilità economica.

Ma tra pochi giorni i governi valuteranno un piano che renderebbe più difficile per le multinazionali e per gli individui evadere le tasse nascondendo i loro profitti all’estero e nei paradisi fiscali. Il piano obbligherebbe tutti i paesi a condividere le informazioni necessarie a capire dove si nascondono i capitali e richiederebbe di rivelare chi si cela dietro aziende “prestanome”. Se le trattative andranno in porto, il G8 potrebbe trovare un accordo su questi provvedimenti nel loro complesso già questo mese.

In  tempi così difficili, mentre governi in tutto il mondo tagliano spese per beni e servizi fondamentali per tutti, è inaccettabile che i più ricchi abbiano un modo per evitare di pagare in modo equo la loro parte. (Ancora di più considerando che i tempi duri sono stati causati da enormi finanziamenti che i governi hanno dato alle banche sull’orlo del fallimento di proprietà di queste stesse persone). I governi stanno finalmente affrontando seriamente il problema di questi buchi nelle nostre finanze ma gli USA e il Canda rischiano di pendere dalla parte delle potenti multinazionali.

Una grande petizione pubblica con una forte copertura mediatica aiuterebbe a mettere sotto i riflettori i paesi che vogliono bloccare l’accordo, rendendo questo un tema politico che Obama e Harper sarebbero costretti ad affrontare pubblicamente. Inoltre, una richiesta così forte, in cui cittadini di tutto il mondo chiedono loro di dare un importante sostegno al pianeta invece di difendere q! ueste corrotte scappatoie aiuterebbe questi leader a ritrovare le loro coscienze e il buon senso. Non possiamo permettere che le multinazionali al lavoro nell’ombra l’abbiano vinta, puntiamo il faro dell’attenzione pubblica su questa decisione fondamentale per il nostro pianeta:

http://www.avaaz.org/it/g8_tax_havens_p/?tRxDbbb

DALLA PAGINA DI AVAAZ.ORG

Wall street: le “non” regole bancarie USA (e del mondo globalizzato)

Obama ha promesso agli americani di mettere regole alla finanza senza controllo. Ma il suo governo è ancora pieno di uomini provenienti dalle grandi banche

La crisi bancaria? Roba del passato. Le grandi banche non sono mai state meglio: il termometro del Dow Jones è stabile intorno ai 14mila punti e nel 2012 sono stati pagati oltre 20 miliardi di dollari di bonus per gli operatori di Wall street. Alla faccia dell’accordo di vigilanza finanziaria Basilea 3, che voleva tagliare i premi di produzione  (a parole .. in realtà Basilea 3 è un ulteriore sfacciato tentativo della Banca dei regolamenti internazionali e delle banche mondiali “troppo grandi per fallire” di coprire le loro truffe e di puntellare il pasticcio dei derivati). Anche gli utili sono in grande crescita: 141,3 miliardi di dollari lo scorso anno, il 19,3 per cento in più del precedente. Quasi si batteva il record del 2006, 145 miliardi. Ma allora il mercato andava a gonfie vele e nessuno si preoccupava del marciume dilagante tra i palazzi eleganti di Manhattan, sempre tirati a lucido. Spazzate vie le macerie della crisi dei mutui subprime e dei milioni di posti di lavoro bruciati, il mondo della finanza è definitivamente tornato a giocare. E pericolosamente.

Il vantaggio del rischio

«Wall street ha vinto ancora una volta. Wall street vince sempre». A parlare è Jeff Connaughton, ex lobbista, ex staffer del vicepresidente Joe Biden ed ex capo di gabinetto del senatore democratico Ted Kaufman. Si è lasciato Washington alle spalle, «deluso dal sistema», trovando riparo nella quieta Savannah, Georgia. Qui ha scritto The Payoff: Why Wall street always wins, un’inquietante retroscena sul rapporto di sudditanza tra il governo americano e i colossi di Wall street. «Abbiamo fatto leggi e riforme. Eppure i rischi del sistema rimangono, basta vedere la legge Dodd-Frank sulla regolamentazione dei mercati finanziari, del tutto insufficiente e in gran parte inapplicata».
In Italia l’ignavia dei controllori è emersa prepotentemente con lo scandalo Mps: Bankitalia e Consob, sebbene a conoscenza delle operazioni rischiose e dei titoli obbligazionari tossici, guardarono altrove. In Usa non sarebbe potuto accadere, dicono i più. Sbagliato. I casi di frode dall’altra parte dell’Atlantico sono stati numerosi anche nel 2012: prima i 7 miliardi di dollari bruciati da JP Morgan in investimenti rischiosi; poi lo scandalo Euribor, nato alla Barclays di Londra, ma deflagrato a Wall Street. Infine Standard & Poor’s, una delle più grandi agenzie di rating, accusata di aver assegnato valutazioni ritoccate al fine di manipolare il mercato. Il presidente Obama ha tuonato in più occasioni contro gli eccessi della finanza. Ma con scarsi risultati. «Togliere mercati rischiosi come i derivati alle banche americane è come togliere i videogames a un teenager», sorride Connaughton.

Dodd-Frank, la legge che non c’era

Dov’è finita la tanto sbandierata riforma di Wall street? Bart Naylor, analista del think tank Public citizen, uno dei migliori insider di Washington, segue dagli albori il processo legislativo che dovrebbe mettere in riga la finanza. «La riforma, meglio nota come Dodd-Frank Wall street reform and consumer protection act, è ferma nella palude», ci racconta seduto nel suo ufficio al 215 di Pennsylvania avenue, ai piedi di Capitol Hill. «Il 27 febbraio abbiamo aperto una causa per accelerarne l’attuazione, ma tutto rema contro». A oggi infatti del Dodd-Frank Act – un macigno legale di oltre 13.000 pagine per 400 regole – è stato attuato solo un terzo. «Il resto giace in attesa, mentre orde di avvocati e lobbisti sono mobilitati per fare pressione sui legislatori, mettendo in stallo il processo». Col  sostegno diretto dei repubblicani. Il candidato presidenziale Mitt Romney propose in campagna di abolire la legge. Seguirono assegni di supporto da Wall street, debitamente anonimi. «Non parliamo mica di dettagli. Mancano completamente pezzi fondamentali per evitare un nuovo collasso. Uno su tutti, la Volker rule, la regola sulla capitalizzazione, e una fetta della regolamentazione del trading di derivati».

La Volker rule, dal nome dell’ex presidente della Federal Reserve, è considerata un elemento chiave per controllare le banche. Obiettivo: limitare drasticamente l’attività speculativa delle banche di deposito. Niente rischi con i soldi dei risparmiatori (limita molto la contrattazione in proprio, quella senza regole,  di titoli da parte di banche che sono coperte dall’assicurazione federale sui depositi). Le banche detestano la Volker rule: istituti finanziari hanno stimato perdite da due miliardi di dollari annui nelle entrate e prevedono la diminuzione della liquidità dei mercati, un calo di investimenti e la riduzione della disponibilità di credito. Risultato: la Volker, attesa per il giugno 2012, non è stata ancora approvata. Le sue regole però sono state gonfiate a dismisura dai lobbisti, con eccezioni e casistiche bizantine, e alla fine le stesse banche, cioè quelle che mandano e pagano i lobbisti, hanno chiesto di rinviarne l’applicazione perché il tutto è poco chiaro e farraginoso. E hanno ottenuto, il 19 aprile scorso, questo rinvio da parte dalla Federal Reserve, per cui il Volcker rule invece che a metà 2012 entrerà in funzione il 22 luglio 2014.

Sui derivati la legge Dodd-Frank metteva un limite al di sotto del quale una banca poteva continuare a trattare over the counter:un limite di 100 milioni di dollari. Ora è stato portato a otto miliardi su pressione non solo delle banche, ma anche di grossi traders in materie prime come i fratelli Koch grandi sostenitori dei repubblicani. Da notare che i derivati, una massa enorme di contratti il cui valore nozionale era pari a oltre otto volte il Pil mondiale (oggi siamo tornati su valori analoghi), erano in gran parte a trattativa privata, over the counter, cioè ‘sopra il tavolo’, come si fa col contante. Impegni presi fra due controparti senza registrazione alcuna, senza che nessun ente terzo tenesse un po’ di contabilità. (sarebbe ancora da approfondire il ruolo dei derivati come strumento per ovviare all’obbligo di riserva del capitale…. con i cds non appaiono più i crediti-debiti a rischio nel bilancio delle banche) vedi  courtfool.info/it_La_banca_spiegata_La_truffa_dei_derivati.htm (altro…)

Cosa potrà succedere (e che non vorremmo) in America latina alla morte di Chavez , ormai in fin di vita?

chavez

Facciamo un quadro della situazione politica generale ed incrociamo le dita e non perdiamo di vista questo continente!

Scendiamo per l’America Latina, dall’alto in basso. Con l’eccezione del Nicaragua dei sandinisti (che ieri ha annunciato di aver creato più posti di lavoro a tempo indeterminato di tutto il Mesoamerica), dal Rio Bravo al confine colombiano, imperversa la militarizzazione neoliberista e narcotrafficante imposta dagli Usa con colpi di Stato, elezioni truccate, finti socialdemocratici ed effettivi fantocci. Il Messico di Neto, ladro delle vittoria di Lopez Obrador, insanguinato dall’incessante carneficina di cartelli e militari, entrambi controllati dagli “specialisti” Usa, e l’Honduras della decimazione degli oppositori al post-golpista Lobo e dei contadini nelle aree sequestrate dai latifondisti delle monoculture, sono i modelli di una riconquista strisciante del “cortile di casa” yankee. Con quelle basi militari che Zelaya, presidente liberal honduregno rovesciato dal golpe di Obama, voleva chiudere, l’intervento diretto di militari Usa contro i settori sociali in lotta (Misquitos), la DEA nuovamente regolatrice dei percorsi ed equilibri del narcotraffico, il corridoio, che deve assicurare il transito della droga dalla Colombia al famelico mercato Usa e alle sue banche, è stato consolidato e blindato.
(altro…)

Nessun presidente ha fatto ricorso all’omicidio segreto quanto Obama. Omicidi e stragi mirate coi droni, torture e abusi

Barack Obama continua i rapimenti e i trasferimenti di sospetti nemici negli Stati Uniti.

Sempre più spesso  eliminati attraverso i droni che bombardano indisturbati in Yemen, Somalia, Pakistan. . E le popolazioni di questi paesi? E i veri motivi? Destabilizzazioni? Interessi petroliferi?

ECCOLI!

la somalia ad esempio è ricca di petrolio!!

Pakistan attacco droni 3 morti

L’ultimo caso: due svedesi e un britannico rapiti a Gibuti

L’Fbi continua a portare avanti la pratica delle “rendition”, ovvero l’arresto-rapimento all’estero di “sospetti terroristi” con trasferimento forzoso all’interno dei confini statunitensi senza regolare processo e in violazione delle stesse leggi di Washington.

A denunciarlo è il quotidiano Washington Post, rivelando l’ultimo caso che ha coinvolto tre cittadini europei, due svedesi e un britannico, rapiti illegalmente nella piccola repubblica africana di Gibuti perché sospettati di essere membri di al-Shabab, formazione armata islamista attiva nella vicina Somalia. Il ministero degli Esteri svedese ha confermato l’arresto, in agosto, e la successiva estradizione clandestina, di Ali Yashin Ahmed, 23 anni, e Mohamed Yusuf, 29, poi trattenuti dall’Fbi per oltre due mesi e a lungo interrogati.
(altro…)

Fiscal cliff (fiscal compact americano) e il debito da default degli USA

31/12/2012 Tra poche ore terminerà l’insulsa pantomima tra Repubblicani e Democratici in Usa

I repubblicani escono a pezzi dal confronto, ma non domi. La questione del Fiscal Cliff che si dibatte nelle ultime settimane negli Stati Uniti, tradisce l’inefficienza di un sistema nel quale gli interessi di un ristrettissimo gruppo di persone sono diventati un blocco insuperabile, anche quando ad essere in ballo sono gli interessi del paese nel senso più ampio.
LA FIGURACCIA – Che si arrivi a capodanno con un accordo o meno ormai importa poco, qualsiasi compromesso si raggiungerà darà un pannicello su un disastro combinato dall’insipienza di camera e senato e in particolare dalla pervicacia con la quale i repubblicani si ostinano a interpretare la parte dei difensori ad oltranza degli interessi dei più ricchi. Il problema non è sorto all’improvviso, ma è figlio di un processo durato anni e che comincia con l’introduzione dei famigerati tagli fiscali di Bush, che hanno favorito in maniera sfacciata e inutile i ricchi sul presupposto che questi creassero ricchezza e alimentassero l’economia americana, quella che poi è fallita con il grande botto del 2008.
(altro…)

Violenza armata negli Stati Uniti d’America

Stephen-Lendman-

Stephen Lendman

di Stephen Lendman
 
Global Research, 16 dicembre 2012
http://www.globalresearch.ca/gun-violence-in-america/5315892
(Traduzione di Curzio Bettio di Soccorso Popolare di Padova)

Il possesso di armi da parte di civili negli Stati Uniti è il più alto nel mondo. Lo Yemen si posiziona al secondo posto. Tuttavia, gli Stati Uniti raddoppiano le dimensioni del livello yemenita.

È gioco forza che sia conseguente la violenza armata.  Endemica negli Stati Uniti d’America!
(altro…)

agiamosubito

agiamosubito

Ragazzi per il bene comune Youth for the common good

Sostenibilità - Sustainability - Nachhaltigkeit - Sostenibilidad

Sebastiano Isaia

il punto di vista umano

in evidenza

agiamosubito

notav.info

agiamosubito

micromega-online

agiamosubito

LIBRE

agiamosubito

IxR

Cerca, Conosci, Condividi

il manifesto

agiamosubito

Contropiano

agiamosubito

agiamosubito

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: