Piazze in Italia e in Grecia: inno globale contro il fascismo e contro le politiche della Troika

http://video.repubblica.it/embed/mondo/giovanna-marini-bella-ciao-il-canto-mondiale-delle-resistenze/189766/188712&width=570&height=321

Dalla piazza greca di Tsipras alla Francia di Charlie Ebdo, dalle manifestazioni antigovernative in Turchia a quelle contro Yanukovich in Ucrainia, fino ai cortei di Occupy Hong Kong. Bella Ciao viene cantata in tutto il mondo. Ma come è nata? Quando? Perché è diventata globale? Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice etnomusicale, ci accompagna in un viaggio tra le note e le parole di una canzone scoperta nelle risaie del Piemonte negli anni ’60 (ma la cui melodia ha origini più antiche, forse Yiddish), “un lamento dal sapore slavo”, poi inno partigiano, che oggi diventa globale in quanto epico.

Cremona
Scontri tra manifestanti antifascisti e polizia a Cremona durante la manifestazione organizzata dai centri sociali cittadini per protestare contro l’azione dei militanti di CasaPound che il 18 dicembre hanno aggredito e ferito gravemente alla testa Emilio Visigalli, esponente del centro sociale Dordoni, in coma per le ferite subite. Il corteo, alla cui testa ha sfilato anche la moglie dell’uomo vittima dell’agguato al termine della partita Cremonese-Mantova, è aperto da uno striscione con la scritta “Chiudere tutti i covi fascisti, Emilio resisti lottiamo con te” ed è composto da militanti dei centri sociali provenienti da varie regioni italiane.

Emilio Visigalli, 49 anni, è rimasto gravemente ferito dopo un raid organizzato da militanti di Casapound, al termine della partita Cremonese-Mantova. Un agguato che ha ridotto l’uomo in coma per le ferite alla testa causate dai calci e le sprangate con cui è stato più volte colpito. Dietro all’azione, conferma la Questura di Cremona, non ci sarebbero motivazioni sportive: si tratterebbe bensì di un raid a sfondo politico. “Una cinquantina di persone – ha riferito a ilfattoquotidiano.it un testimone, Michele Arena, del centro sociale Dordoni – si sono staccate dal gruppo di tifosi e hanno assaltato il centro sociale. Venivano da fuori, dalle città vicine. Quelli che abbiamo riconosciuto venivano da Parma e da Brescia ed erano di Casapound. Con loro c’era il coordinatore provinciale di Casapound Cremona, Gianluca Galli”. Per gli scontri del 18 gennaio, sono indagati quattro militanti del centro sociale Dordoni e quattro esponenti di Casapound con le accuse di rissa aggravata e lesioni gravissime contestati a vario titolo.

Spagna protesta ancora: 80 città manifestano con rabbia

SCONTRI IN PIAZZA

23/2/2013

Proteste contro l’austerity: 45 arresti.

 

(© Getty Images) Studenti in piazza in Spagna contro i tagli alla scuola pubblica.

Studenti in piazza in Spagna contro i tagli alla scuola pubblica.La Spagna è esplosa ancora di rabbia il 23 febbraio, contro l’austerità fatta pagare ai cittadini e contro la corruzione perpetrata dai partiti e dai regnanti. Nell’anniversario del tentato colpo di Stato del 1981,  decine di migliaia di spagnoli sono scesi ancora una volta in piaza, per protestare contro l’austerity. Il governo ha schierato duemila poliziotti anitisommossa. Nel pomeriggio cortei colorati hanno invaso 80 città, tra cui Valencia e Bracellona. A Madrid i manifestanti hanno marciato verso il parlamento chiedendo meno tasse e più spesa pubblica.

I CORTEI COLORATI DEI TAGLI. Ogni categoria sociale interessata dai tagli  – 150 miliardi di euro in tre anni, in un Paese in cui la disoccupazione è al 26% e oltre il 50 tra i giovani – ha indossato un colore diverso: gli insegnanti marciavano in verde, i medici e gli infermieri in bianco, i movimenti femministi in viola, gli indignados e i minatori in nero. I manifestanti hanno invaso piazza Nettuno pacificamente.
45 ARRESTI  E 4 BOMBE INCENDIARIE. Ma verso la sera sono iniziati gli scontri: il bilancio secondo il ministero degli Interni è di una quarantina di feriti (12 i poliziotti) e 45 arresti, tra cui 9 minori. Il clima è surriscaldato. La polizia avrebbe trovato uno zaino abbandonato in strada con all’interno quattro bombe incendiarie.

da Lettera43

agiamosubito

agiamosubito

Ragazzi per il bene comune Youth for the common good

Sostenibilità - Sustainability - Nachhaltigkeit - Sostenibilidad

Sebastiano Isaia

il punto di vista umano

in evidenza

agiamosubito

notav.info

agiamosubito

micromega-online

agiamosubito

LIBRE

agiamosubito

il manifesto

agiamosubito

Contropiano

agiamosubito

agiamosubito

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: