ELEZIONI 2013. SI INIZIA! 156 parlamentari M5S alla manifestazione No Tav in Val di Susa

26 febbraio 2013
156 parlamentari M5S alla manifestazione No Tav in Val di Susa? Si comincia a ballare…

 Manifestazione nazionale No Tav convocata per sabato 23 marzo prossimo in Val di Susa

Torino, 26 FEB – ”Il 23 marzo tutti i 156 parlamentari del Movimento 5 Stelle saranno alla manifestazione in Val di Susa per ribadire, che tutti noi, dal primo all’ultimo siamo contro questa inutile e costosa grande opera, non uno, due o tre parlamentari o cos’ altro”. La dichiarazione odierna viene dai capolista del Movimento 5 Stelle per Camera e Senato in Piemonte, Laura Castelli e Marco Scibona (nella foto con Grillo).

Qualcosa queste elezioni hanno portato: un collegamento tra democrazia delegata e movimenti! Non sono del M5S ma per la Val di Susa GRAZIE A VOI!

 

Egitto prima del voto: tafferugli ad alessandria e manifestazione pro Morsi

Oggi 14 dicembre 2012

Lancio di pietre tra sostenitori e oppositori del presidente islamico Mohamed Mursi. Gli scontri sono avvenuti nella città egiziana di Alessandria oggi venerdì prima di un referendum su una nuova costituzione che ha diviso la nazione più popolosa del mondo arabo.

Decine di attivisti hanno combattuto con mazze e spade, hanno detto testimoni, e un certo numero di vetture sono state incendiate per le strade della seconda città più grande d’Egitto, alla vigilia di un voto che per Mursi metterà fine al peggioramento della crisi politica del paese.

Tafferugli sono iniziati nei pressi di una moschea di Alessandria, quando i membri dell’opposizione distribuendo volantini si sono scontrati con i sostenitori di Mursi.

Al Cairo, sventolio di bandiere pro-Mursi islamisti hanno organizzato una manifestazione finale ma la manifestazione,  fuori da una delle principali moschee della capitale è tranquilla.

Matthew Keys (traduzione Donatella Mardollo)

Video Reuters http://live.reuters.com/Event/Egypt_5

Scuola, Roma blindata aspetta i cortei di studenti e professori

24 novembre 2012

Giornata difficile per la capitale con i ragazzi delle scuole e delle università che avvisano: “Vogliamo arrivare sotto i Palazzi del potere”. Mille gli uomini delle forze dell’ordine in piazza. Manifestano anche i Cobas e la Cgil organizza un sit in. Allarme per CasaPound

ROMA – Studenti, professori ed anche i neofascisti di CasaPound in piazza oggi a Roma con mille uomini e donne delle forze dell’ordine a vigilare sui palazzi delle istituzioni. “Una giornata calda”, l’ha definita il ministro degli Interni Annamaria Cancellieri che inizierà intorno ale 10 del mattino dalla Piramide dove si sono dati appuntamento gli studenti medi e universitari in lotta per la difesa della scuola pubblica e contro i tagli mentre più o meno allo stesso orario la Cgil ha chiamato i professori ad un sit in a Piazza Farnese ed i Cobas hanno organizzato un corteo in partenza da piazza Esedra fino a Santi Apostoli.

Dopo gli scontri e le polemiche del 14 novembre gli occhi sono puntati sugli studenti: concesso l’uso degli scudi di gomma con le copertine dei libri che caratterizzano i cortei studenteschi dai tempi dell’onda, vietati i caschi, ha ammonito il prefetto di Roma Pecoraro. “Vogliamo arrivare sotto i Palazzi del potere e riprenderci la città”, avvertono gli studenti pronti a fare un percorso che dovrà essere contrattato metro dopo metro con i dirigenti di polizia in piazza. Si cerca una mediazione per evitare incidenti con una nutrita delegazione di manifestanti fatti arrivare sotto la Camera dei Deputati.

Contemporaneamente i professori e i lavoratori della scuola che aderiranno al sit in della Cgil si troveranno in piazza Farnese mentre dietro alle bandiere dei Cobas si sonderà un corteo da piazza Esedra fino a piazza Santi Apostoli.

Apprensione anche per la manifestazione di CasaPound. L’organizzazione neofascista terrà il suo corteo nel pomeriggio da piazza Mazzini a Ponte Milvio, quindi a distanza di sicurezza dai cortei della mattina e lontano pure dal presidio antifascista che dalle 14,30 si terrà a Piazza Vittorio

da Repubblica.it

agiamosubito

agiamosubito

Ragazzi per il bene comune Youth for the common good

Sostenibilità - Sustainability - Nachhaltigkeit - Sostenibilidad

Sebastiano Isaia

Il punto di vista umano. «Essere radicale vuol dire cogliere le cose alla radice. Ma la radice, per l’uomo, è l’uomo stesso» (K. Marx). «Emancipando se stesso, il proletariato emancipa l’intera umanità» (K. Marx).

Cambiaresipuo

agiamosubito

notav.info

agiamosubito

Micromega

agiamosubito

LIBRE

agiamosubito

il manifesto

agiamosubito

Contropiano

agiamosubito

ilLibraio.it

agiamosubito

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: