Emma Bonino: intelligence americana (e italiana) è solo zelante e forse eccessiva?

Ci sono molti modi per manifestare amicizia e lealtà alla causa americana. Quello scelto giovedì dal ministro degli esteri Emma Bonino, durante l’audizione alla Camera di giovedì scorso, è il più ingenuo. Perché tentare di derubricare il Datagate americano, il più sfacciato e capillare episodio di spionaggio dal dopoguerra, a semplici «eccessi di una prassi diffusa» è una difesa d’ufficio rabberciata e grossolana.
Intanto per quell’aggettivo, «eccessi», che farebbe pensare a uno zelo di troppo e non alla sistematica intrusione nella vita privata di centinaia di milioni di cittadini europei attraverso il rastrellamento indiscriminato di mail, sms e tabulati di traffico telefonico. Ma è anche la parola «prassi» ad imbarazzarci: è prassi che un servizio di sicurezza ponga sotto controllo 34 ambasciate di paesi alleati? E’ prassi che un lavoro di intelligence ai danni della privacy di mezza Europa venga organizzato senza informare i servizi di sicurezza di quei paesi, come ci è stato confermato dall’ambasciatore Massolo, direttore del Dis?
E’ prassi ritenere che nell’attività di prevenzione verso il terrorismo internazionale non vi sia più alcuna soglia di tutela, garanzia e rispetto di alcuni diritti fondativi della dignità umana? La ministra Bonino, nel corso della sua non lunga audizione, ha spiegato di non voler inseguire le rivelazioni dei media americani e di volersi attenere alle risposte che sono state richieste alla Casa Bianca. Come se i dieci giorni di silenzio del dipartimento di Stato di Washington non fossero già una esplicita conferma a ciò che ha rivelato al mondo Edward Snowden. Al quale, la spiegato la ministra, non verrà concesso asilo: per ragioni tecniche e politiche.
Quelle tecniche, assai pretestuose, le conosciamo. Ci sfuggono quelle politiche: o meglio, le intuiamo, ma quando abbiamo chiesto al ministro Bonino di esplicitarle non abbiamo ricevuto risposta. Quanto ai media americani e all’invito a non fidarsi delle loro rivelazioni (ma di aspettare invece con disciplinata pazienza il comunicato ufficiale di Washington), è la storia che si fa parodia. Sono le stesse parole imbarazzate che ascoltammo sette anni fa, quando il Washington Post rivelò al mondo che la Cia aveva messo in piedi sul territorio di alcuni paesi compiacenti luoghi di detenzione clandestina per le vittime delle extraordinary renditions.
Anche allora il governo italiano suggerì di attendere spiegazioni e smentite ufficiali dalla Casa Bianca. Per poi scoprire che quel programma di arresti e detenzioni illecite era a conoscenza dei servizi segreti di mezzo -mondo, condiviso e sostenuto anche dall’ intelligence italiana (Pollari, Sismi, Abu Omar: do you remember ?). E a proposito della nostra intelligence , permangono intatti tutti i nostri dubbi su un decreto del presidente Monti (pubblicato sulla Gazzetta ufficiale quattro giorni prima che si convocassero le nuove Camere) che autorizza i nostri servizi di sicurezza a stipulare convenzioni con i soggetti fornitori di pubblici servizi per poter accedere alle loro banche dati: dall’Inps alle Poste, dall’anagrafe universitaria degli studenti all’Alitalia, dall’Enel alle ferrovie italiane. Scopo: una non meglio definita sicurezza cybernetica.
Peccato che questi accessi non richiedano alcuna autorizzazione di un giudice e permettano di ottenere dati molto sensibili su ciascuno di noi: dove viviamo, quanto spendiamo, cosa studiamo, come ci muoviamo, quanto consumiamo… Chi ci garantisce che questa massa di informazioni (300 mila accessi in sei mesi) e i profiling che se ne possono ricavare non vengano adoperati per altre finalità? Nel 2007 in tutta fretta una nuova legge ridisegnò i servizi di sicurezza italiani dopo la scoperta di un “ufficio dossier” che il Sismi aveva organizzato contro giornalisti, magistrati e oppositori politici. Parliamo di pochi anni fa. E di un paese in cui la contesa politica, i suoi protagonisti e la posta in palio non sono affatto cambiati.

 di Claudio Fava
 da: il manifesto
Leggete per approfondimento http://www.informarexresistere.fr/2013/06/30/edward-snowden-e-altri-spifferatori-degli-usa/

ROMANO PRODI: un passato pesante .. E la sinistra mostra la sua voglia di cambiamento: nessuna!!

CIA, Bilderberg, Bolkestein, OGM, Israele, relazioni con la NATO, colpo di stato contro Chavez! Cosa hanno scelto gli Italiani, la peste o il colera?

Romano Prodi è uno dei mistificatori dell’Europa sociale. È il più alto responsabile della strategia di Lisbona adottata nel 2000, per una durata di dieci anni. Questa strategia ha accentuato il carattere neoliberista dell’Unione Europea e ha sottoposto alla più alta competitività e alle “leggi” del mercato le politiche sociali (istruzione, pensioni, ecc.) e ambientali.

Nel 2003, quando il signor Prodi era a capo della Commissione Europea, ha rimosso la moratoria sugli OGM, autorizzando con ciò la commercializzazione e la coltivazione delle piante transgeniche.

Ha qualificato come “molto ragguardevole” il progetto di “riforma” sull’assicurazione-malattie del governo francese, un progetto che aggrava in modo considerevole le ineguaglianze in materia di accesso alle cure.

È stato uno dei promotori del Trattato Costituzionale Europeo. Questo Trattato ha l’obiettivo di incidere nel marmo le politiche ultraliberiste.

Il signor Romano Prodi e altri ultraliberisti hanno posto la libera concorrenza al di sopra del progresso sociale, lasciando la porta aperta al dumping sociale e fiscale. Costoro hanno pianificato una guerra economica permanente, senza fine, posizionando i cittadini europei nelle condizioni di stato di allerta continuo. Hanno voluto fare dell’Europa una giungla, dove il monopolio della violenza (economica o di altra natura) non appartiene, e ne’ può appartenere, che al più forte.
(altro…)

Cosa potrà succedere (e che non vorremmo) in America latina alla morte di Chavez , ormai in fin di vita?

chavez

Facciamo un quadro della situazione politica generale ed incrociamo le dita e non perdiamo di vista questo continente!

Scendiamo per l’America Latina, dall’alto in basso. Con l’eccezione del Nicaragua dei sandinisti (che ieri ha annunciato di aver creato più posti di lavoro a tempo indeterminato di tutto il Mesoamerica), dal Rio Bravo al confine colombiano, imperversa la militarizzazione neoliberista e narcotrafficante imposta dagli Usa con colpi di Stato, elezioni truccate, finti socialdemocratici ed effettivi fantocci. Il Messico di Neto, ladro delle vittoria di Lopez Obrador, insanguinato dall’incessante carneficina di cartelli e militari, entrambi controllati dagli “specialisti” Usa, e l’Honduras della decimazione degli oppositori al post-golpista Lobo e dei contadini nelle aree sequestrate dai latifondisti delle monoculture, sono i modelli di una riconquista strisciante del “cortile di casa” yankee. Con quelle basi militari che Zelaya, presidente liberal honduregno rovesciato dal golpe di Obama, voleva chiudere, l’intervento diretto di militari Usa contro i settori sociali in lotta (Misquitos), la DEA nuovamente regolatrice dei percorsi ed equilibri del narcotraffico, il corridoio, che deve assicurare il transito della droga dalla Colombia al famelico mercato Usa e alle sue banche, è stato consolidato e blindato.
(altro…)

Responsabili delle STRAGI DI STATO: DEVIAZIONI di parti DELLO STATO, MAFIA al soldo di CIA, GLADIO E BILDERBERG

A corollario delle dichiarazioni, delle interviste e degli scritti de Dott. Imposimato aggiungiamo anche questa notizia.

E’ un Italiano a denunciare il Club Bilderberg,si chiama Alfonso Luigi Marra,avvocato di successo,famoso per aver vinto molte cause per anatocismo e usura .

Mario Monti che sia filo bancario non è un segreto,questo club sembra decidere le sorti economiche di molti paesi nel mondo. La storia si ripete,pochi decidono per molti,qualcuno ha pensato bene di fare aprire un’indagine in questo senso .

Nessun Partito parla di questo Gruppo Bilderberg ,eppure è conosciuto da tutti.

Un popolo privo di conoscenza è molto più facile da manipolare . Informatevi .

Alfonso Luigi Marra
Marra ha presentato, oggi 1.2.2013, alla Procura di Roma, denunzia contro il Bilderberg e Monti, che ne è membro. Segue il testo integrale della denunzia. Marra, un anno fa, aveva pubblicato la denunzia in rete, ma non l’aveva formalmente presentata perché temeva venisse archiviata. Ora – dichiara – i tempi sono maturi.
(altro…)

Equilibri mondiali: USA e le politiche militari in Africa (in inglese) Strategy military U.S. in Africa

WASHINGTON—The White House has promoted a strategy of keeping as light a U.S. footprint as possible in Africa, focusing on training and funding local militaries and providing logistical and intelligence support to African Union-led combat operations.

But events in Mali, Algeria and other countries are now spurring a reconsideration of the military role the U.S. should take on the continent, U.S. officials said.

image

Google Earth/ReutersA satellite image of the facility in Algeria where terrorists seized Algerian and foreign hostages on Wednesday.

The White House and African analysts have voiced fears that a more direct U.S. role could weaken local governments and further inflame Islamist extremism. U.S. officials have also questioned the direct national security threat posed by such Africa-based militants as AQIM, Somalia’s al-Shabaab militia and the Lord’s Resistance Army in central Africa.
(altro…)

agiamosubito

agiamosubito

Ragazzi per il bene comune Youth for the common good

Sostenibilità - Sustainability - Nachhaltigkeit - Sostenibilidad

Sebastiano Isaia

Il punto di vista umano. «Essere radicale vuol dire cogliere le cose alla radice. Ma la radice, per l’uomo, è l’uomo stesso» (K. Marx). «Emancipando se stesso, il proletariato emancipa l’intera umanità» (K. Marx).

Cambiaresipuo

agiamosubito

notav.info

agiamosubito

Micromega

agiamosubito

LIBRE

agiamosubito

il manifesto

agiamosubito

Contropiano

agiamosubito

ilLibraio.it

agiamosubito

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: