Eurogruppo ha imposto delle condizioni al piano di salvataggio che sono state rifiutate dai Ciprioti. Greci indignati contro i loro politici servi della TROIKA

Greci sbalorditi nel sentire i deputati Ciprioti attaccare la UE e respingere il piano di salvataggio
Keep Talking Greece racconta il rammarico e lo stupore dei Greci: forse c’era “un’altra via” rispetto alla resa senza combattere del loro governo?

A sentire il dibattito nel Parlamento Cipriota per il voto cruciale sul prelievo sui depositi bancari, i Greci sono rimasti sbalorditi e verdi di invidia. L’Eurogruppo ha imposto delle condizioni al piano di salvataggio che sono state rifiutate dai Ciprioti.

La discussione nel Parlamento cipriota era appena iniziata che un amico mi ha chiamato:

“Guardali, guardali! Dicono NO alla Troika, respingeranno la tassa sui conti bancari, e i nostri politici hanno detto Sì ad ogni punto e virgola imposto dalla troika. Vergogna! ”

Uguali i commenti dei Greci su Internet.

I Greci sono già al 3° accordo di finanziamento, e non possono che rimanere esterrefatti nel sentire Yiannakis Omirou di Edek dire “la nostra proposta è quella di dire di no ad un accordo e alla rinegoziazione” o Dimitris Syllouris di EUROKO sostenere che “Cipro può vivere anche senza la Troika”.

Sì, sentono i Ciprioti criticare aspramente l’Unione europea per non aver mostrato la tanto decantata solidarietà europea, ma essersi comportati da squali usurai. Peggio ancora, alcuni politici hanno anche criticato il portavoce del governo per aver indotto in errore la popolazione, sostenendo che non sarebbe stata applicata nessuna “tassa sui depositi”.

Cose incredibili sono state dette laggiù nel Parlamento Cipriota.

Cose impensabili per i conservatori di Nea Dimocratia o per i socialisti del PASOK. Ogni dibattito parlamentare sugli accordi di prestito si è sempre risolto in uno scambio di accuse tra i due partiti che hanno governato il paese per quasi quattro decenni, portandolo alla rovina.

Invece di combattere e contrattare, hanno firmato un accordo dopo l’altro e portato al panico puro i cittadini greci a causa del crollo totale dell’economia. Come se, firmando gli accordi di finanziamento, avessimo potuto avere del gasolio o delle medicine per i nostri malati…

Sarebbe necessaria la maggioranza semplice dei 56 membri della Camera dei Rappresentanti per l’approvazione del disegno di legge del governo sull’haircut dei depositi.

I tre partiti AKEL (19 seggi), Edek (5) e i Verdi con un solo seggio hanno deciso domenica che avrebbero votato contro l’haircut. Il Presidente Anastasiades deve fare affidamento sul suo partito Disy (20 seggi) e sul suo alleato del governo di coalizione DIKO (8 seggi). Anche EUROKO (2 seggi) non voterà a favore.

Anche se egli assicura che tutti i membri Disy sosterranno il disegno di legge, il voto favorevole degli otto membri del DIKO è tutt’altro che certo. Almeno tre deputati DIKO hanno dichiarato di non voler sostenere il disegno di legge.

Il partito Disy di Anastasiades si è poi astenuto dalla votazione.

Già un po’ prima del voto, martedì, i greci sono rimasti stupiti di sentire che il ministro delle Finanze Michalis Sarris aveva presentato le sue dimissioni al presidente Anastasiades per non essere riuscito a strappare un accordo migliore “nel corso della riunione dell’Eurogruppo del Sabato”. Anastasiades non ha accettato le dimissioni di Sarris e lo ha mandato a Mosca per cercare un accordo con i russi. Potrebbe essere sostituito al suo ritorno a Nicosia.

E invece no, nessuno si è dimesso in Grecia, nessuno ha ammesso le sue responsabilità per i gravi errori e la resa totale alla Troika. Una resa che ha portato all’ impoverimento di milioni di famiglie greche.

Non c’è da stupirsi che il primo ministro Antonis Samaras abbia cancellato la sua visita in Finlandia del 22-24 marzo.

Forse era preoccupato di dover affrontare dei disordini, nel caso che i Ciprioti avessero respinto la tassa sui depositi e dato un calcio in culo alla Troika, cacciandola via…
DA Vocidallestero

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

agiamosubito

agiamosubito

idadominijanni

Smile! You’re at the best WordPress.com site ever

Ragazzi per il bene comune Youth for the common good

Sostenibilità - Sustainability - Nachhaltigkeit - Sostenibilidad

Sebastiano Isaia

il punto di vista umano

Home

agiamosubito

notav.info

agiamosubito

micromega-online

agiamosubito

LIBRE

agiamosubito

il manifesto

agiamosubito

Contropiano

agiamosubito

agiamosubito

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: