Lettera inviata alle radio e con qualche variante ad associazioni per il bene comune

di Donatella Mardollo

Siamo PERSONE aggregate attraverso Twitter. Condividiamo la stanchezza sulla disinformazione o superficialità dei grandi media e dei socialnetwork in merito a politica economia; passano da argomenti futili a critiche su politici rientrando anche loro nel teatrino del non fare e lamentarsi. E intanto Monti cambia costituzione con partiti al seguito, inserisce in l’Italia Egendorf (è a Vicenza), accetta ESM (sono istituzioni non elette che hanno impunità totale). Dare informazione è vitale ma per creare azioni politiche di democrazia partecipata, di alternativa alla finanza globale,  non basta. Vogliamo creare un coordinamento delle iniziative misconosciute o perse nei meandri dell’oceano dei dati, delle associazioni alternative e per il bene comune che già lavorano in Italia e all’estero (vedi Comune di Capannori e di Nantes in Francia o associazione http://www.gemeinwohl-oekonomie.org/it che in un anno ha raccolto in tutta europa 600 aziende e una banca per una economia non speculativa) e sostenerle con un movimento di cittadini.

L’idea è di creare un movimento nazionale permanente che si muova in modo unitario su obiettivi praticabili restando ognuno con la propria specificità. Abbiamo bisogno di un Occupy nostrano pacifico che agisca coordinato e con punti chiari. Da fare subito! Possiamo provare con un tam tam per far cambiare ai cittadini la loro  banca con una etica o cooperativa, possiamo chiedere in ogni città e comune di adottare strategie simili a quelle di Capannori in toscana, possiamo andare in piazza come ha fatto occupyaffari L’importante è scegliere azioni strategiche che cittadini e istituzioni possano praticare partendo da ora. Nel blog creato da poco abbiamo scritto iniziative in progress.

Oltre alle radio cerchiamo associazioni di cittadini e Sindaci disponibili al cambiamento. Non vogliamo fare un partito nè un gruppo.Vogliamo che cresca una opposizione capillare e permanente, come in Islanda  in USA con occupy, per chiedere una politica partecipata ed etica, e dobbiamo essere in tanti. Se cresceranno entità politiche istituzionali ( es. ALBA) o aggregazioni di liste civiche, è necessario facciano parte di un movimento più ampio che agisca in prima persona. Sappiamo di essere un granello e forse un’utopia. Ma il grande Ghandi è partito da solo!Chissà che non incontriamo un Ghandi anche qui! Non mi dilungo oltre e vi rimando al blog a Twitter con #agiamosubito

Grazie dell’attenzione e non del vostro “aiuto” ma del vostro essere portatori di cambiamento, cerchiamo di farlo in tanti e insieme!

per #agiamosubito

Donatella mardollo

blog https://agiamosubito.wordpress.com/2012/05/01/canovaccio-iniziative-in-progress/

Annunci
Articolo precedente
Lascia un commento

1 Commento

  1. Sarzi Amade' Sandro

     /  maggio 10, 2012

    Fatemi capire meglio.Mi informo. Parliamone. Conosciamoci. A risentirci

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

agiamosubito

agiamosubito

Ragazzi per il bene comune Youth for the common good

Sostenibilità - Sustainability - Nachhaltigkeit - Sostenibilidad

Sebastiano Isaia

il punto di vista umano

in evidenza

agiamosubito

notav.info

agiamosubito

micromega-online

agiamosubito

LIBRE

agiamosubito

il manifesto

agiamosubito

Contropiano

agiamosubito

agiamosubito

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: