TSIPRAS il discorso al comitato centrale di #syriza

Schermata 2015-07-30 alle 12.53.23“Il nostro dilemma è quello di spostare indietro o andare avanti in un compromesso che non è quello che abbiamo sognato. Si tratta di una scelta difficile, “ha detto. “Siamo stati costretti a prendere decisioni difficili. Abbiamo dovuto scegliere tra un compromesso doloroso e un default disordinato”.

“Alcuni sostengono che vi era una terza scelta – la scelta di uscire dall’euro”, ha detto, sottolineando che è giunto il momento di discutere questo punto di vista. Una uscita dall’euro, senza alcun sostegno avrebbe comportato dura austerità, ha sottolineato.

Ha detto che non vi era altra scelta che accettare un programma. “Alcuni credono che da un giorno all’altro la maggioranza del partito e del governo ha cambiato le sue opinioni – accettando di sposare il socialismo liberale – e che abbiamo subito deciso di stringere, per necessità, neoliberismo”, ha sottolineando che questa è una visione estremista .

Le decisioni ad accettare il piano di salvataggio è stata presa tenendo conto delle persone più povere della Grecia che sarebbero state meglio con queste riforme che un “default disordinato”.

Leggi l’articolo intero »

CRISI – AUSTERITÀ’ – VERITA’ SUL 3% DI MASTRICHT – LA VERA SITUAZIONE DEI LAVORATORI TEDESCHI

A PRESADIRETTA un’inchiesta appassionante sulle ricette dell’austerity, che dall’inizio della crisi economica a oggi, governano le nostre vite. Sono in molti ormai a dire che la scelta dell’economia del rigore non ha funzionato.

Le telecamere hanno anche fatto un lungo viaggio attraverso l’Europa dell’austerity. Sono state in Grecia, durante le elezioni che hanno portato Tsipras al governo e hanno raccolto le voci più importanti della nuova leadership politica che prova a riscrivere i patti con la Troika. Sono state in Germania e hanno scoperto che i conti non tornano più neanche nel paese più solido d’Europa.

Guardate, strabiliate per le decisioni prese consapevolmente sbagliate, le bugie e le verità nascoste, come ad esempio sulla situazione dei lavoratori in Germania

E L’ITALIA?Schermata 2015-03-02 alle 08.09.13

http://shar.es/1WDMNI

Noam Chomsky: America paved the way for ISIS

chomsky1This article originally appeared on Jacobin.

Jacobin is happy to feature an interview with journalist David Barsamian and Professor Noam Chomsky. In it, Chomsky explains the roots of ISIS and why the United States and its allies are responsible for the group’s emergence. In particular, he argues that the 2003 invasion of Iraq provoked the sectarian divisions that have resulted in the destabilization of Iraqi society. The result was a climate where Saudi-funded radicals could thrive.

The interview also touches on Israel’s most recent massacre in the Gaza Strip, putting it in the context of the vital role Israel has always played for the United States. Chomsky then turns to today’s racist scapegoating of Guatemalan immigrants, tracing the conditions that lead them to leave their homes to the Reagan administration’s brutal destruction of the country.

Finally, Chomsky shares his thoughts on the growing movement for climate justice and why he thinks it is the most urgent of our time. The full exchange will be broadcast by Alternative Radio.

There are few voices more vital to the Left than Professor Chomsky’s. We hope you read and share the interview widely.


THE MIDDLE EAST IS ENGULFED IN FLAMES, FROM LIBYA TO IRAQ. THERE ARE NEW JIHADI GROUPS. THE CURRENT FOCUS IS ON ISIS. WHAT ABOUT ISIS AND ITS ORIGINS?

There’s an interesting interview that just appeared a couple of days ago with Graham Fuller, a former CIA officer, one of the leading intelligence and mainstream analysts of the Middle East. The title is “The United States Created ISIS.” This is one of the conspiracy theories, the thousands of them that go around the Middle East.

But this is another source: this is right at the heart of the US establishment. He hastens to point out that he doesn’t mean the US decided to put ISIS into existence and then funded it. His point is — and I think it’s accurate — that the US created the background out of which ISIS grew and developed. Part of it was just the standard sledgehammer approach: smash up what you don’t like.

In 2003, the US and Britain invaded Iraq, a major crime. Just this afternoon the British parliament granted the government the authority to bomb Iraq again. The invasion was devastating to Iraq. Iraq had already been virtually destroyed, first of all by the decade-long war with Iran in which, incidentally, Iraq was backed by the US, and then the decade of sanctions.


ADVERTISEMENT

They were described as “genocidal” by the respected international diplomats who administered them, and both resigned in protest for that reason. They devastated the civilian society, they strengthened the dictator, compelled the population to rely on him for survival. That’s probably the reason he wasn’t sent on the path of a whole stream of other dictators who were overthrown.

Finally, the US just decided to attack the country in 2003. The attack is compared by many Iraqis to the Mongol invasion of a thousand years earlier. Very destructive. Hundreds of thousands of people killed, millions of refugees, millions of other displaced persons, destruction of the archeological richness and wealth of the country back to Sumeria.

One of the effects of the invasion was immediately to institute sectarian divisions. Part of the brilliance of the invasion force and its civilian director, Paul Bremer, was to separate the sects, Sunni, Shi’a, Kurd, from one another, set them at each other’s throats. Within a couple of years, there was a major, brutal sectarian conflict incited by the invasion.

You can see it if you look at Baghdad. If you take a map of Baghdad in, say, 2002, it’s a mixed city: Sunni and Shi’a are living in the same neighborhoods, they’re intermarried. In fact, sometimes they didn’t even know who was Sunni and who was Shi’a. It’s like knowing whether your friends are in one Protestant group or another Protestant group. There were differences but it was not hostile.

In fact, for a couple of years both sides were saying: there will never be Sunni-Shi’a conflicts. We’re too intermingled in the nature of our lives, where we live, and so on. By 2006 there was a raging war. That conflict spread to the whole region. By now, the whole region is being torn apart by Sunni-Shi’a conflicts.

The natural dynamics of a conflict like that is that the most extreme elements begin to take over. They had roots. Their roots are in the major US ally, Saudi Arabia. That’s been the major US ally in the region as long as the US has been seriously involved there, in fact, since the foundation of the Saudi state. It’s kind of a family dictatorship. The reason is it has a huge amount oil.

Britain, before the US, had typically preferred radical Islamism to secular nationalism. And when the US took over, it essentially took the same stand. Radical Islam is centered in Saudi Arabia. It’s the most extremist, radical Islamic state in the world. It makes Iran look like a tolerant, modern country by comparison, and, of course, the secular parts of the Arab Middle East even more so.

It’s not only directed by an extremist version of Islam, the Wahhabi Salafi version, but it’s also a missionary state. So it uses its huge oil resources to promulgate these doctrines throughout the region. It establishes schools, mosques, clerics, all over the place, from Pakistan to North Africa.

An extremist version of Saudi extremism is the doctrine that was picked up by ISIS. So it grew ideologically out of the most extremist form of Islam, the Saudi version, and the conflicts that were engendered by the US sledgehammer that smashed up Iraq and has now spread everywhere. That’s what Fuller means.

Saudi Arabia not only provides the ideological core that led to the ISIS radical extremism, but it also funds them. Not the Saudi government, but wealthy Saudis, wealthy Kuwaitis, and others provide the funding and the ideological support for these jihadi groups that are springing up all over the place. This attack on the region by the US and Britain is the source, where this thing originates. That’s what Fuller meant by saying the United States created ISIS.
Leggi l’articolo intero »

LIBIA – NO alla “guerra”. Appello di Alex Zanotelli e Angelo del Boca

libia-kadafi

L’abbattimento del regime di Gheddafi ha riportato la Libia al clima politico ed economico di due secoli fa, prima della colonizzazione italiana e ancora prima della presenza ottomana. In altre parole, si è tornati ad una tribalizzazione del territorio. Scomparsi i confini amministrativi, ogni tribù difende le proprie frontiere e sfrutta le risorse petrolifere.
Non c’è alcun dubbio che Muammar Gheddafi è stato un crudele dittatore, ma nei suoi 42 anni di regno ha mantenuta intatta la nazione libica, l’ha dotata di un forte esercito e di un’eccellente amministrazione al punto che il reddito pro-capite del libico era il più alto dell’Africa e si avvicinava a quello dei paesi europei. Ma soprattutto ha dato ai libici una fierezza che non avevano mai conosciuto.
A tre anni dal suo assassinio (avrebbe meritato un processo), la Libia è nel caos più completo e già si parla con insistenza di risolvere la questione inviando truppe dall’estero per organizzarvi una seconda, micidiale e sciagurata guerra. Nel corso della prima infausta guerra, voluta soprattutto dalla Francia di Sarkozy, il paese ha subìto danni immensi, 25 mila morti e distruzioni valutate dal Fondo Monetario Internazionale in 35 miliardi di dollari.
Poichè le voci di un intervento militare italiano si fanno più frequenti, noi chiediamo alle autorità del nostro Paese di non commettere il gravissimo errore compiuto nel 2011 quando offrimmo sette delle nostre basi aeree e più tardi una flotta di cacciabombardieri per aggredire un paese sovrano, violando, per cominciare, gli articoli 11, 52, 78 e 87 della nostra Costituzione.
In un solo caso l’Italia può intervenire, nell’ambito di una missione di pace e dietro la precisa richiesta dei due governi di Tripoli e di Tobruk che oggi si affrontano in una sterile guerra civile. Ma anche in questo caso l’azione dell’Italia deve essere coordinata con altri paesi europei e l’Unione Africana(UA).
Animati soprattutto dal desiderio di riportare la pace in un paese la cui popolazione ha già sofferto abbastanza.
Ci appelliamo al nostro ministro degli esteri Gentiloni, chè non si faccia catturare dai venti di guerra che stanno soffiando insistenti. Ma sopratutto chiediamo a tutto il movimento per la pace perchè faccia pressione sul governo Renzi perchè l’Italia , come ex-potenza coloniale, porti i vari rivali libici attorno a un tavolo. Questo per il bene della Libia, ma anche per il bene nostro e dell’Europa.
Angelo Del Boca
Alex Zanotelli

Leggi anche http://ilmanifesto.info/pronti-a-combattere-a-chi/

Piazze in Italia e in Grecia: inno globale contro il fascismo e contro le politiche della Troika

http://video.repubblica.it/embed/mondo/giovanna-marini-bella-ciao-il-canto-mondiale-delle-resistenze/189766/188712&width=570&height=321

Dalla piazza greca di Tsipras alla Francia di Charlie Ebdo, dalle manifestazioni antigovernative in Turchia a quelle contro Yanukovich in Ucrainia, fino ai cortei di Occupy Hong Kong. Bella Ciao viene cantata in tutto il mondo. Ma come è nata? Quando? Perché è diventata globale? Giovanna Marini, cantautrice e ricercatrice etnomusicale, ci accompagna in un viaggio tra le note e le parole di una canzone scoperta nelle risaie del Piemonte negli anni ’60 (ma la cui melodia ha origini più antiche, forse Yiddish), “un lamento dal sapore slavo”, poi inno partigiano, che oggi diventa globale in quanto epico.

Cremona
Scontri tra manifestanti antifascisti e polizia a Cremona durante la manifestazione organizzata dai centri sociali cittadini per protestare contro l’azione dei militanti di CasaPound che il 18 dicembre hanno aggredito e ferito gravemente alla testa Emilio Visigalli, esponente del centro sociale Dordoni, in coma per le ferite subite. Il corteo, alla cui testa ha sfilato anche la moglie dell’uomo vittima dell’agguato al termine della partita Cremonese-Mantova, è aperto da uno striscione con la scritta “Chiudere tutti i covi fascisti, Emilio resisti lottiamo con te” ed è composto da militanti dei centri sociali provenienti da varie regioni italiane.

Emilio Visigalli, 49 anni, è rimasto gravemente ferito dopo un raid organizzato da militanti di Casapound, al termine della partita Cremonese-Mantova. Un agguato che ha ridotto l’uomo in coma per le ferite alla testa causate dai calci e le sprangate con cui è stato più volte colpito. Dietro all’azione, conferma la Questura di Cremona, non ci sarebbero motivazioni sportive: si tratterebbe bensì di un raid a sfondo politico. “Una cinquantina di persone – ha riferito a ilfattoquotidiano.it un testimone, Michele Arena, del centro sociale Dordoni – si sono staccate dal gruppo di tifosi e hanno assaltato il centro sociale. Venivano da fuori, dalle città vicine. Quelli che abbiamo riconosciuto venivano da Parma e da Brescia ed erano di Casapound. Con loro c’era il coordinatore provinciale di Casapound Cremona, Gianluca Galli”. Per gli scontri del 18 gennaio, sono indagati quattro militanti del centro sociale Dordoni e quattro esponenti di Casapound con le accuse di rissa aggravata e lesioni gravissime contestati a vario titolo.

#Charlie #banlieue Responsabilità politiche #globali: aumento povertà e spinta dei derelitti verso l’#ISIS

French police forces and violence at the baulieu. Riots have raged across France for more than two weeks and recently spread into Germany and Belgium.

Sarebbero diverse migliaia i cittadini francesi che negli ultimi tre anni hanno deciso di lasciare la propria casa per raggiungere il Nord Africa o il Vicino Oriente per partecipare alle guerre civili o ai conflitti politici armandosi con le fazioni del variegato mondo dell’islamismo radicale. Nel caso della guerra civile in Siria le cifre aumentano, segnalando l’impennata di partecipazione di cittadini della Republique tra le fila dell’ISIS. Al di là degli strilli e del chiacchiericcio mainstream, davanti a quanto accaduto nella redazione del settimanale Charlie conviene, per un punto di vista antagonista, porsi anche la domanda su chi e perché nella Francia (ma si potrebbe parlare anche della Gran Bretagna) degli anni 00 decide di lasciarsi alle spalle la vecchia vita per imbracciare il fucile aderendo al progetto politico dell’ISIS?

Leggi l’articolo intero »

Pino Daniele la storia di un uomo e un artista dalla sensibilità straordinaria

La sua continua ricerca musicale,  pregna di impegno politico e sociale, sempre al passo con i tempi; ha segnato negli anni un’evoluzione artistica continua e originale, in un alternarsi di successi; tra il tripudio del pubblico e le numerossissime collaborazioni con artisti di fama mondiale tra i quali Pat MethenyJovanottiEros RamazzottiChick Corea e molti altri.

La sua è stata una  energia vitalissima e pulsante all’interno di una scena cantautorale che, dopo il periodo del massimo impegno politico e della ballata protestataria voce, chitarra e quattro accordi, cercava punti di riferimento nuovi,  sonorità ed arrangiamenti maggiormente  curati e sofisticati, una struttura di canzone più rifinita ed evoluta soprattutto  armonicamente. Ecco Pino Daniele è stato soprattutto questo: un musicista dalla sensibilità straordinaria, con un gusto melodico  geniale che ha fatta sua la lezione del jazz, del funky, del soul come dei classici partenopei e ha saputo fondere tutto mirabilmente con l’incredibile forza della sua ispirazione in una forma di song originalissima e ariosa, potente ed ecumenica, alta  e popolare.

Buon viaggio e grazie!

 

Turchia: ha permesso il passaggio di armi e miliziani islamisti per anni e ora vuole rovesciare Assad con le stesse accuse (vere?)

ragioni_economiche_guerra

Oggi è giunto il plauso Usa alla decisione turca: “Accogliamo le dichiarazioni del ministro degli Esteri”, ha detto la portavoce del Dipartimento di Stato, seppure a ieri sera nessun peshmerga avesse ancora messo piede a Kobane, hanno fatto sapere i kurdi siriani in città. Il dialogo tra Washington e Ankara non cessa, con la Casa Bianca impegnata a fare ancora pressioni sugli alleati perché intervengano in modo più massiccio.

Un intervento che per Ankara è condizionato: in un articolo pubblicato ieri sul The Guardian, il ministro degli Esteri turco Cavusoglu ha ricordato che, seppure “la Turchia sarà sempre in prima linea nella lotta al terrore” e sebbene “abbia aperto i propri confini ai rifugiati di Kobane e […] facilitato il passaggio dei peshmerga”, quello che resta necessario è “una strategia chiara”. Contro chi? Contro Assad: “L’Isis è il prodotto di un più grande demonio – scrive Cavusoglu – Non solo il terreno fertile offerto dall’instabilità in Siria, ma anche l’ardente sostegno del regime ha aiutato i gruppi terroristici a crescere. Il regime è stato il padrino dell’Isis con l’intenzione di sradicare le opposizioni siriane insieme alle legittime domande del popolo siriano”.

Dimenticando il ruolo avuto dal suo stesso paese che in quasi quattro anni di guerra civile ha permesso il passaggio di armi e miliziani islamisti in territorio siriano, Ankara insiste sul ruolo di Damasco. Questo l’obiettivo dichiarato: rovesciare Assad e assumere il ruolo di guida mediorientale, un target per ora sempre fallito dal presidente Erdogan.

Da parte loro, gli Stati Uniti hanno sganciato domenica su Kobane armi e munizioni a favore delle Unità di protezione popolare kurde. Non senza errori: ieri l’esercito Usa ha ammesso di aver bombardato alcuni aiuti militari lanciati il giorno prima vicino Kobane, perché troppo vicini ad una postazione Isis. Distrutti per non farli cadere in mano islamista.

– See more at: http://nena-news.it/isis-iraq-e-siria-terreno-di-confronto-tra-turchia-e-iran/#sthash.yonMMaNM.dpuf

Un bell’esempio di come verrà minata la nostra salute dalle leggi di Renzi e dalla UE

il prosciutto non avrà più questa origine

il prosciutto non avrà più questa origine

Arriva il prosciutto senza carne di maiale, ma che puo’ contenere piu’ acqua e additivi chimici sinora vietati, a danno dei consumatori e degli allevatori italiani. A lanciare l’allarme e’ il Presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel commentare la proposta di schema di decreto ministeriale che rivede la normativa sulla preparazione dei salumi, introducendo una serie di allucinanti novita’. Il prosciutto cotto – spiega la Coldiretti – potra’ ora essere fatto anche utilizzando carne di altre specie creando confusione nei consumatori sul reale contenuto del prodotto che acquistano. Una possibilita’ che, come ha dimostrato la recente inchiesta sulla carne di cavallo spacciata per manzo in sughi e polpette, alimenta anche il rischio di frodi in un settore come quello delle carni dove dall’inizio della crisi nel 2008 ad oggi sono aumentati del 150 per cento i sequestri secondo una analisi della Coldiretti sulla base dell’attivita’ del Nas nei primi nove mesi del 2014 rispetto allo stesso periodo del 2008.
Aumenta poi, secondo Coldiretti, il contenuto di acqua consentito che sara’ pagato dagli acquirenti come se fosse carne in un momento di pesante crisi economica. L’incremento del tasso di umidita’ previsto per le tre categorie di prosciutto cotto, prosciutto cotto scelto e prosciutto cotto di alta qualita’ andra’ – precisa la Coldiretti – a minare la qualita’ del prodotto stesso a discapito del maiale italiano, le cui carni hanno caratteristiche qualitative superiori a quelle dei maiali importati dai paesi del nord, penalizzando i nostri allevatori. Il decreto cancella poi il divieto di utilizzo di aromi chimici, Leggi l’articolo intero »

Documentario sulla guerra in Iraq-Censurato dalle tv – DA VEDERE!

Documentario assolutamente da non perdere per chiunque voglia comprendere i veri meccanismi delle guerre, in questa epoca dove l’occidente con la falsa scusa di salvare i popoli dai dittatori, stermina culture, territorio e futuro ..

Ovunque c’è petrolio, in forma di riserve certe o di semplice aspettativa, esso è causa di dispute e processi di militarizzazione. I conflitti crescono anche perché nel mondo i consumi aumentano e le riserve diminuiscono. Così la geografia degli interessi petroliferi è decisiva per capire la storia di questi anni, dalla prima guerra del Golfo (1991) all’Iraq attuale fino alle prossime aree di crisi: dal Medio Oriente (dove sono concentrati i giacimenti “giant”) al Caspio e all’Asia. Ma il petrolio non è solo estrazione: strategico è anche il controllo degli oleodotti e dei corridoio petroliferi, o dei 6 punti nevralgici dove passa il 40 per cento della produzione mondiale. Come e perché e chi entra o esce dalla lista degli “Stati canaglia”.

Wall Street, gli amici nazisti e il solito bersaglio: la Russia

 

Criminali, bugiardi, complici. Non ci fa una bella figura, l’ipocrita Occidente, nemmeno rileggendo la Seconda Guerra Mondiale: furono americani e inglesi a scommettere su Hitler. Ne finanziarono l’ascesa in modo decisivo, incaricandolo – già allora – di una missione che ossessiona gli anglosassoni: colpire la Russia e affondarla. Lo ricorda Yuriy Rubtsov, alla luce degli attuali drammatici sviluppi in Ucraina: «I denti del drago devono essere conficcati ancora una volta nella carne viva dell’Europa», come già fu in passato. Lo conferma «lastoriasegreta dei rapporti fra Wall Street e laGermanianazista».Storiache nessuno ha voglia di rievocare, e che fu seppellita dalla solennità del Processo di Norimberga, che inchiodava laGermaniasconfitta come unica colpevole, senza alleati atlantici. Se oggi sono in molti a definire “nazista” il golpe di Kiev costruito dagliUsautilizzando l’estrema destra ucraina, Rubtsov chiarisce: «Per quanto ne sappiamo, l’Ucraina di oggi non può essere paragonata allaGermaniadi Hitler». Ma attenzione: «Non dimentichiamo che la folle corsa del nazismo ebbe inizio da uno sconosciuto caporale che predicava xenofobia e vendetta».

Leggi l’articolo intero »

L’Argentina in default: approfondiamo!

default_argentina001

Ricapitoliamo: nel 2001 l’Argentina (pagando l’errore di agganciare la sua moneta al dollaro per tentare di non svalutarla) fece crack. In piena rovina, cessò i pagamenti sul debito sovrano, pari 80 miliardi di dollari. I possessori di titoli del Tesoro argentino, per lo più, nel corso di lunghe trattative, si sono accontentati di ricevere il molti anni dopo 30 per cento, condonando il 70%. Non così Paul Singer, miliardario ebreo-americano possessore di un fondo speculativo, lo Elliott Capital Management: costui, dopo il crack, ha comprato da creditori titoli di debito argentino per 220 milioni di dollari a prezzi stracciati, pagandolo soltanto 49 milioni, meno di un quarto del suo valore facciale: dopodiché, s’è appellato ai tribunali americani per esigere il pagamento pieno dei titoli in suo possesso. Valore che, dopo 13 anni, è salito 832 milioni.

È il modus operandi tipico dei «Fondi Avvoltoio», che si nutrono di cadaveri. O più precisamente, che pretendono la polpa dagli ossami dei cadaveri dentro cui puntano i loro becchi. Singer – con l’appoggio delle leggi e tribunali americani – è riuscito a spolpare il poverissimo Congo nel 2002, obbligandolo a pagargli 90 milioni di dollari per i 20 milioni di titoli di debito pubblico congolese in suo possesso, e prima aveva obbligato il Perù a versargli 58 milioni per gli 11 milioni di titoli sovrani peruviani che aveva raccattato.

Per l’Argentina, i profitti attesi dall’avvoltoio sono molto maggiori.  Leggi l’articolo intero »

TTIP e i diritti delle persone: un trattato che non mette al centro i beni comuni ma gli interessi privati

la Commissione Europea e gli Stati Uniti sono impegnati nella stesura a porte chiuse di un accordo transatlantico per il libero commercio e la libertà degli investimento (TTIP). I temi dei negoziati non sono stati diffusi dall’Ue all’opinione pubblica e neanche hanno interrogato moltissime Ong meno che mai le popolazioni, hanno visto coinvolti invece oltre 600 rappresentanti delle multinazionali. Il Trattato di Libero Scambio risponde infatti solo e soltanto agli interessi economici e alla fama di profitti delle grandi lobbies, a costo di svendere la salute dei cittadini, la sicurezza alimentare, i beni comuni e la democrazia.

Si vuole costruire la zona più grande di libero scambio sull’intero pianeta e -spiega la Commissione Europea- “la più grossa barriera al commercio e agli investimenti non è il dazio pagato alle frontiere, ma sono le cosiddette ‘barriere non tariffarie’. L’obiettivo dell’accordo è abbattere queste barriere in Europa come negli USA armonizzando le differenti normative in materia economica, ciò significa permettere alle imprese di speculare sulla vita di tutte e tutti i cittadini, muovendo senza alcun vincolo capitali, merci e lavoro per tutto il globo. 

L’accordo dovrebbe chiudersi entro il 2014 e rappresenta il nuovo e ancor più massiccio attacco ai diritti sociali e del lavoro, ai beni comuni e alla democrazia, dopo i tentativi già portati avanti con l’accordo multilaterale sugli investimenti (Mai) negli anni ’90 e con la direttiva Bolkestein nello scorso decennio, contro i quali si era costruita una fortissima ed efficace mobilitazione sociale.

Per approfondire: su sbilanciamoci.info “Il trattato intrattabile”, su comune-info.net “Liberalizzazioni dalla A al TTIP”

La campagna contro il trattato è partita a febbraio:

STOP-TTIP! Fermiamo il trattato di liberalizzazione commerciale USA-UE! (bozza di piattaforma da implementare ed emendare)

Il TTIP, Transatlantic Trade and Investment Partnership, il trattato di libero scambio tra Unione Europea e Stati Uniti d’America attualmente in discussione, è qualcosa di più di un semplice negoziato di liberalizzazione commerciale. E’ l’ennesimo attacco frontale delle lobbies economiche e dei poteri forti su quello che rimane dei diritti del lavoro, dell’ambiente e di cittadinanza dopo anni di crisi economica e finanziaria e il tentativo di disarticolare le conquiste di anni di lotte sociali con le politiche di austerity e di redistribuzione verso l’alto.

I negoziati TTIP, lanciati ufficialmente nel luglio 2013 e portati avanti in modo opaco e segreto dalla Commissione europea e dall’Amministrazione statunitense in vista di una loro possibile conclusione a fine 2014, disegnano un quadro di pesante deregolamentazione dove obiettivo principale non saranno tanto le barriere tariffarie, già abbastanza basse, ma quelle non tariffarie, che riguardano gli standard di sicurezza e di qualità di aspetti sostanziali della vita di tutti i cittadini: l’alimentazione, i servizi sanitari, i servizi sociali, le tutele e la sicurezza sul lavoro. Con l’alibi di un’omogeneizzazione delle normative, si assisterà ad una progressiva corsa verso il basso in cui saranno i cittadini e l’ambiente a farne principalmente le spese.

Tra i principali obiettivi del negoziato c’è la tutela dell’investitore e della proprietà privata, grazie alla costituzione di un organismo di risoluzione delle controversie a cui le aziende potranno appellarsi per rivalersi su Governi colpevoli, a loro dire, di aver ostacolato la loro corsa al profitto. Qualsiasi regolamentazione pubblica, con la scusa della tutela della competizione e degli investimenti, rischierà di essere messa in secondo piano dietro alle esigenze delle aziende e dei mercati.

Per questo, come movimenti sociali e organizzazioni della società civile italiana, abbiamo deciso di mobilitarci per opporci a un disegno politico che ha nella tutela e lo sviluppo dei mercati e dei mercanti il suo obiettivo principale. Ci appelliamo a tutte le forze sociali e sindacali del nostro Paese, perchè convergano su una mobilitazione comune per fermare il negoziato TTIP esattamente come successe alla fine degli anni ’90 con l’Accordo Multilaterali sugli Investimenti.

Alcuni buoni motivi per fermare il TTIP:

  • Sicurezza alimentare: le norme europee su pesticidi, Ogm, carne agli ormoni e più in generale sulla qualità degli alimenti, più restrittive di quelle americane e internazionali, potrebbero essere condannate come “barriere commerciali illegali”;
  • Gas di scisto: il fracking, già banditi in Francia per rischi ambientali, potrebbe diventare un diritto per le compagnie estrattive, che potrebbero a quel punto chiedere danni agli Stati che impedissero le loro operazioni;
  • Acqua ed energia: sono settori a rischio privatizzazione. Tutte quelle comunità che si dovessero opporre potrebbero essere accusate di distorsione del mercato
  • Servizi pubblici:  il TTIP limiterebbe il potere degli Stati nell’organizzare i servizi pubblici come i trasporti, i servizi idrici, educativi e ridurrebbe il principio dell’accesso universale a tutto beneficio di una privatizzazione;
  • Libertà e internet: i giganti della rete cercherebbero di indebolire le normative europee di protezione dei dati personali per ridurli al livello quasi inesistente degli Stat Uniti, autorizzando in questo modo un accesso incontrastato alla privacy dei cittadini da parte delle imprese private
  • Finanza: il trattato comporterebbe l’impossibilità di qualsivoglia controllo sui movimenti di capitali e sulla speculazione bancaria e finanzairia
  • Diritti del lavoro: la legislazione sul lavoro, già drasticamente deregolamentata dalle politiche di austerity dell’Unione Europea, verrebbe ulteriormente attaccata in quanto potrebbe essere considerata “barriera non tariffaria” da rimuovere
  • Democrazia : il trattato impedirebbe qualsiasi possibilità di scelta autonoma degli Stati in campo economico, sociale, ambientale, provocando la più completa esautorazione di ogni intervento da parte degli enti locali

Promotori (al 19/02) ALTRAMENTE, ARCI, ASSOCIAZIONE BOTTEGHE DEL MONDO, A SUD, ATTAC  ITALIA , COMUNE-INFO, COSPE, ENNEENNE, FAIRWATCH, FONDAZIONE CERCARE ANCORA, FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L’ACQUA, MUNICIPIO DEI BENI COMUNI, RE:COMMON, REORIENT, SCUP, YAKU, RETE DELLA CONOSCENZA

da rete della conoscenza

Integriamo con una VIDEOCONFERENZA Lista Tsipras  su DIFESA DELLA DEMOCRAZIA , DEL LAVORO E DEI BENI COMUNI IN ITALIA E EUROPA pubblicata nel sito radioradicale.it

http://www.radioradicale.it/scheda/416655

 

Turkia: governo oppressore ma forze armate non fanno i Killer

ammaina la bandiera turca senza reazioni della polizia

ammaina la bandiera turca senza reazioni della polizia

Il giovinetto mascherato che guizza agile sul pennone, nel piazzale di una delle molte contestate basi militari presenti nella provincia di Diyarbakır, e porta giù con sé lo stendardo con la mezzaluna è lo straniamento intervenuto nella fase che ha inasprito rapporti e colloqui fra governo di Ankara e comunità kurda. La shockante novità viene da una delle istituzioni più ferree del kemalismo passato e dell’islamismo politico d’oggi: le Forze Armate. Gli avieri di guardia a quella caserma e al simulacro della bandiera, anziché impedire con la forza, anche estrema, un gesto “sacrilego” nella logica militare prim’ancora che patria, hanno lasciato fare. Ora di fronte al procuratore che indaga e li accusa sostengono che non potevano usare violenza contro un ragazzo. E’ un’affermazione che spiazza la politica, sia quella fascista di Devlet Bahçeli che dichiara “a quel terrorista bisognava sparare in fronte”, sia del premier che ritiene il gesto offensivo per la nazione, cosa che non può restare impunita per chi l’ha compiuta e per chi l’ha resa possibile. E invece è possibile che oggi dei militari non se la sentano di fare i killer di chi protesta pur clamorosamente, e con coraggio pari alla follìa gli entra in casa e la dissacra.

Nelle caserme di molti parti del mondo un manifestante che s’introduce a strappare il simbolo del luogo sarebbe bloccato, e se non ucciso, messo in condizione di non nuocere. La passività dei giovani turchi in divisa indica qualcos’altro. Messe da parte una presunta viltà, ventilata dal kemalismo irriducibile, o una sorta di collaborazionismo con la protesta kurda, è più facile che lo star fermi esponga un malessere. La non comprensione del proprio ruolo, soprattutto repressivo in territori dove un passato, non attraversato da chi veste oggi l’uniforme ma presente nei lutti ricordati dalla gente, e nei dolori non spenti poiché la morte continua ad agitarsi in uno scontro insensato. Quei soldati su cui potrà pesare la scure della ferrea disciplina di corpo, il giovane profanatore d’una bandiera ch’egli e il suo popolo non riconoscono indicano agli Erdoğan e al Parlamento, agli Öcalan e ai vertici del Pkk di Kandil che si può avere l’audacia di morire e quella di tenersi in vita. E rispettare l’esistenza degli avversari non considerandoli nemici da cancellare con la sventagliata che solo il Lupo grigio Bahçeli

continuerebbe a infliggere a chi non la pensa come lui. Che oggi in Turchia la pace convenga a tutti è il monito di ogni stendardo mono o multicolore. Sventolante o ammainato.

articolo pubblicato su http://enricocampofreda.blogspot.it

Appello dal mondo della Scuola: non dimentichiamoci della Legge di Iniziativa Popolare (LIP) che aspetta dal 2006 una discussione in parlamento

Appello dal mondo della Scuola: non dimentichiamoci della Legge di Iniziativa Popolare (LIP) che aspetta dal 2006 una discussione in parlamento.

agiamosubito

agiamosubito

idadominijanni

Smile! You’re at the best WordPress.com site ever

Ragazzi per il bene comune Youth for the common good

Sostenibilità - Sustainability - Nachhaltigkeit - Sostenibilidad

Sebastiano Isaia

il punto di vista umano

Home

agiamosubito

notav.info

agiamosubito

micromega-online

agiamosubito

LIBRE

agiamosubito

il manifesto

agiamosubito

Contropiano

agiamosubito

agiamosubito

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: